Altri usi non convenzionali del bollito del giorno dopo

di Alba D'Alberto Commenta

Siamo alla conclusione di questo lungo ponte di festività che hanno visto il gran menù di Natale protagonista assoluto delle tavole degli italiani con la lasagna e il brodo come non plus ultra della tradizione. Ma il bollito, quel bollito di carne usato per la realizzazione della stracciatella, bisogna ancora sistemarlo. Vediamo come. 

Siamo ancora davanti ai fornelli e davanti alla dispensa per scegliere come usare questo bollito, a distanza di due giorni, potrebbe quasi essere accusato di stalking dalla signora della cucina. Bene, il bollito si presta a parecchi usi, per esempio quello con l’insalata di verdure come lo propone la tradizione piemontese

Il bollito si può usare anche per la realizzazione delle polpette o per condire degli squisiti panini. Iniziamo da questa seconda soluzione che è pi rapida da illustrare. Quando il bollito si è raffreddato dovete soltanto preoccuparvi di tagliare il muscolo o il pezzo di carne che avete usato, a fettine molto sottili. Non trasparenti ma quasi. Dividete una ciabattina a metà ma se avete un panino al latte fa lo stesso. Spalmateci sopra un po’ di salsa verde realizzata con le zucchine e il prezzemolo, un po’ di olio, sale e pepe che avanzano dal bollito e poi metteteci sopra le vostre fettine guarnendo con qualche verdura della giardiniera. Il gioco è fatto.  

Per fare le polpette di bollito il nostro consiglio è quello di far bollire qualche patata e nel frattempo pulire la carne del grasso in eccesso. Spezzettate la carne e frullatela in un mixer aggiungendo qualche rametto di prezzemolo fresco. Unite il trito alle patate passate nello schiacciapatate. Aggiungete quindi parmigiano, aglio grattugiato, un uovo intero, sale e pepe. C’è chi unisce al composto anche un po’ di besciamella e una scorza di limone ma ci sembra davvero troppo audace. 

Con l’impasto realizzate delle polpette e passatele prima nell’uovo e poi nel pangrattato, friggendo tutto in abbondante olio caldo per pochi minuti. Vanno servite tiepide. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>