Tortellini o tagliolini? Il dilemma davanti al brodo

di Alba D'Alberto Commenta

I tortellini – che sono tipicamente emiliani – in questi giorni di festa abbondano sulle tavole di Bologna e dintorni. Sembra semplice realizzarli ma sul ripieno che poi è una delle cose essenziali, non c’è da scherzare, la ricetta è addirittura depositata alla Camera di Commercio. Comunque chi non ama i tortellini può sempre fare in casa i tagliolini. E se invece vi piacciono tutti e due, come si sceglie?

Davanti ad un buon brodo di carne, anche se non realizzato con il cappone ruspante, come vuole la tradizione bolognese per i tortellini, il dilemma sul tipo di pasta da metterci dentro è sempre molto vivo. Per esempio, non è che i tortellini siano amati da tutti. C’è chi ama metterci dentro i tagliolini e anche lì le scuole di pensiero sono tante: all’uovo o senza uovo?

I tagliolini classici per il brodo di carne sono con l’uovo: sono più larghi dei capellini ma devono essere più sottili delle tagliatelle. Questa è la regola per non sbagliare con le dimensioni, proprio come non bisogna sbagliare con il ripieno dei tortellini. Lo spessore basso e siamo tutti d’accordo ma sulla lunghezza ancora una volta ci si spacca. C’è chi li preferisce corti e c’è chi invee si appella alla tradizione (quale?) che li vuole più lunghi, ma di poco, degli spaghetti. 

Ingredienti per 6 persone

  • 500 gr di farina 00
  • 5 uova
  • sale qb

Ingredienti per il brodo

  • 4 litri d’acqua
  • 500 gr di carne di manzo con l’osso
  • 50o gr di carne di gallina
  • 1 cipolla
  • 2 carote
  • 1 sedano
  • 1 cucchiaio di sale grosso

E non è assolutamente necessario spiegare che i tagliolini così sottili si cuociono in un minuto nel brodo portato ad ebollizione. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>