Le proprietà dei ceci neri, ancora troppo poco conosciuti

di Alba D'Alberto Commenta

I ceci neri, anche se poco presenti sulle tavole degli italiani, sono una specialità tricolore e sono largamente prodotti in Italia. A dirla tutta sono prodotti nella zona della Murgia, nel barese e nel materano. Quello che differenzia questi ceci dagli altri bianchi più conosciuti e sfruttati, è la forma e naturalmente il colore. 

I ceci neri sono piccoli come il mais e sono di colore scuro, son una varietà del Cicer Arietinum. A livello di composizione sono fatti per il 10 per cento di acqua, per il 19 per cento di proteine e per il 17 per cento di fibre alimentari. Questo vuol dire che un bel piatto di ceci neri è molto energetico, ha una grande quantità di glucidico e un contenuto proteico prossimo al 21 per cento. Meglio di un una fettina di carne? Per i vegetariani certamente sì.

Nell’analizzarne a fondo le caratteristiche si scopre che hanno numerose fibre che aiutano nella regolarità intestinale e fanno sì che i ceci neri sazino parecchio. Ecco perché sono indicati nelle diete. In più sono ricchi di vitamine: B, C, K ed E. Diversamente rispetto ai ceci tradizionali, quelli neri sono anche molto ricchi di ferro

Il cece nero si coltiva da decenni nella Murgia classica e in particolare nelle zone che comprendono i comuni di Acquaviva delle Fonti, Cassano delle Murge e Santeramo del Colle. È una coltura locale diventata anche Presidio slow Food. 

Come se non bastasse a renderli particolari e importanti nella dieta mediterranea, i ceci neri possono essere usati in tantissimi modi in cucina. A patto, però, di tenerli a mollo dalle 12 alle 18 ore. Si possono usare come i ceci classici nelle minestre, nelle zuppe e con la pasta. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>