Un veloce pranzo di Pasqua

di Alba D'Alberto Commenta

Andiamo a scomodare la tradizione abruzzese e qualche ricetta d’archivio per confezionare un buon menu di Pasqua con la speranza che sia d’aiuto a chi è alla ricerca di una soluzione alternativa per questa domenica speciale. L’obiettivo, in fondo, non è soltanto variare?

Si sa che la domenica si mangia un po’ più e un po’ meglio degli altri giorni, per convenzione, per cultura e per abitudine. Poi durante le feste e a Pasqua in particolare, il menu diventa ancora più ricco pur conservando degli elementi tradizionali. Per Pasqua sono l’agnello e l’uovo. 

Iniziamo dall’antipasto: essendo una festa di primavera – previsioni meteo a parte – per antipasto il consiglio è quello di dedicarvi ad una bella pizza rustica che faccia trionfare in tavola le verdure, magari anche ripassate e leggermente piccati. Il top. In Abruzzo vi proporrebbero i fiadoni che sono dei piccoli calzoni ripieni di ricotta. Deliziosi ma se ne diventa immediatamente dipendenti. 

Come primo piatto avete l’onnipresente lasagna, anche senza l’uso del ragù oppure nella variante senza pasta all’uovo. Ma se di stare dietro a tutta la trafila non vi va, potete sempre optare per una pasta all’uovo o una pasta fresca condita con i funghi, magari anche quelli secchi rammolliti che hanno più sapore. Un modo per tenersi leggeri prima del secondo piatto. 

Qui non possiamo non consigliare il caciaovo a base di agnello oppure la stessa carne alla scottadito. In alternativa ci sono sempre arrosti e cotolette che fanno la loro porca figura. Magari accompagnate tutto con un bel piatto di verdure. I carciofi sono di stagione. 

Dolce? Quale dolce? Ma lo sanno tutti che avete già pronto il tiramisù… o no?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>