5 errori collegati al minestrone secondo Dissapore

di Alba D'Alberto Commenta

Dissapore ha realizzato un articolo molto interessante su tutti gli errori legati alla realizzazione del minestrone, dedicato a tutte quelle consuetudini che si ripetono nelle cucine di tutto il mondo ma che rovinano questo piatto. 

Vediamo di riepilogare di seguito gli errori più frequenti legati alla preparazione del minestrone, indicati da Dissapore: 

1. USARE QUELLO SURGELATO.
Sì, è comodo. Sì, i pezzetti sono tutti precisi. Sì, ci sono dentro millemila verdure diverse che hai voglia a comprarle, pulirle e tagliarle tutte. Sì, basta versarlo in pentola, mettere l’acqua e portarlo sul fuoco.

2. USARE IL DADO.
No, no e poi no.
Volete un minestrone saporito? Se non bastassero la varietà degli ortaggi e, ovviamente, sale e pepe, ricordatevi degli insaporitori naturali, le erbe aromatiche: rosmarino, salvia, alloro, timo, prezzemolo, basilico, persino foglie di sedano, naturalmente sapide.

3. LIMITARE LA VARIETÀ.
A guidarvi nella preparazione del vostro minestrone dovrebbe essere sempre la stagione. La base, per me, è sempre sedano, carota, cipolla o porro, fagiolini, fagioli (freschi in stagione, secchi lessati a parte il resto dell’anno), qualche verdura a foglia come spinaci o bietole, pomodoro fresco o pelati, patata, zucchina (sì, anche d’inverno, sa di poco ma si imbeve del resto) e, come dicevo, piselli.

4. TAGLIARE MALE LE VERDURE.
Le dimensioni contano. Non tanto per una questione di cottura, che il minestrone sta su abbastanza a lungo (io calcolo un’oretta, per non stracuocere eccessivamente gli ortaggi) e tutto tenderà a essere molto cotto e morbido.

5. SERVIRLO TAL QUALE.
Il bello del minestrone è, anche, quello che ci potete mettere dentro, verdure a parte. Pasta di semola, come tubetti o pasta mista, anche avanzi di qualità diverse. Pasta all’uovo, quadrucci, maltagliati, pappardelle spezzettate. Riso, farro, orzo. Crostini fritti o crostoni tostati sotto al grill e, magari, strofinati d’aglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>