Cosa provoca mangiare l’uva

di Alba D'Alberto Commenta

Continuiamo in questo post a scoprire i benefici dell’uva, vera regina delle tavole italiane in questo periodo. L’uva è infatti un frutto ricco di sostanza nutritive con importanti effetti sulla salute umana, è quindi molto salutare consumarla mentre si mangia. Non a caso esistono vere e proprie diete a base di uva che possono essere seguite nel periodo del cambio di stagione. Ecco cosa provoca mangiare uva.

Cosa comporta mangiare l’uva

Come abbiamo appurato nel post pubblicato prima di questo l’uva è un alleato della bellezza, perché ricca di vitamine e sali minerali, ma anche di fibre e zuccheri e acqua. Le vitamine presenti sono quelle del complesso A, C, B e PP, e contiene numerose sostanze che riducono i segni del tempo, come l’acido tartarico, i polifenoli.

Cosa comporta mangiare l’uva

Ai suoi costituenti sono collegati però anche con il rafforzamento delle pareti venose, grazie alla presenza di sostanze quali l’enocianina e i tannini, che sono contenute all’interno degli acini e della buccia. Ricca di acidi grassi, aiuta inoltre ad eliminare le tossine presenti nel nostro organismo. 

Per tutte queste sue caratteristiche l’uva è indicata in modo particolare all’interno delle diete di tipo disintossicante, le quali possono essere seguite sia nel corso di un weekend, sia nel corso di una intera settimana. Per chi volesse provarla il menu per due giornate, quelle di sabato e domenica prevede

  • 3 pasti principali a base di verdure
  • 6 spuntini di verdure ogni ora circa nel corso dei quali si sorseggiano tè verde e cetrifugati per un totale di circa 1 kg di uva al giorno. 

La dieta prevede un apporto di 900 calorie al giorno e l’eliminazione delle proteine animali. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>