Cosa comporta mangiare i lupini e la barbabietola rossa

di Alba D'Alberto Commenta

Il menu vegetariano si arricchisce di anno in anno e, di conseguenza, diventa più ampio anche il ricettario che possono utilizzare tutti coloro che seguono le indicazioni della cucina vegetariana. Dal 4 al 6 luglio 2014, ad esempio, si è tenuto a Gorizia il Festival Vegetariano, che ha introdotto molti appassionati a nuove preparazioni e nuovi ingredienti. In questo post vedremo più da vicino gli effetti sull’organismo di lupini e barbabietola rossa. 

Le proprietà dei lupini

Forse non tutti sanno che la pianta dei lupini giunge a maturazione proprio nel mese di luglio, il mese centrale dell’estate, anche se nella nostra tradizione culinaria c’è l’abitudine di consumare questo legume essiccato e nel mese di dicembre, in occasione del periodo natalizio. 

I lupini sono legumi che in una dieta vegetariana possono sostituire le proteine, con il vantaggio di essere privi di colesterolo. Ogni 100 grammi di lupini contengono 38 grammi di proteine. 

I lupini sono inoltre ricchi di vitamine, come quelle del gruppo A, E e B, senza contare gli acidi grassi, gli omega 3 e 6. Sono molto digeribili e per questo vengono utilizzati anche negli alimenti privi di glutine e possono essere utilizzati come alleati del benessere della pelle e del cuore. 

Le proprietà della barbabietola

La barbabietola rossa, invece, è un ortaggio pieno di sali minerali. Depurativa e rinfrescante, permette l’eliminazione dei grassi. Ha poteri anti  – infiammatori a carico dell’apparato digerente e del fegato.

La barbabietola rossa è anche uno degli alimenti più ricchi di antiossidanti, grazie all’elevato numero di flavonoidi che contiene.  Vitamina C e acido folico completano il quadro di questo alimento alleato della bellezza della pelle. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>