Vino e mal di testa: pro e contro di questa bevanda

di Daniele Pace Commenta

Il vino, è una bevanda che accompagna e sposa diversi sapori: la sua peculiare caratteristica è data proprio dalla sua capacità di esaltarli ed impreziosirli, donando loro raffinatezza, rotondità, piccantezza, gusto. Il bianco delicato, il rosso intenso, il rosè dolciastro: le colorazioni del vino, ne caratterizzano anche la compostezza e la sua versatilità. I vini hanno composizioni diverse: in base ad esse e al processo di lavorazione, variano la qualità, il sapore, il gusto, il tasso alcolico. Le qualità del vino, non sono relative al solo gusto e al modo in cui il vino stesso sposa i sapori, ma anche ai benefici che questa bevanda apporta all’organismo. Il vino però può apportare anche degli scompensi, tra cui il mal di testa.

 

Il mal di testa da vino, è un malessere abbastanza comune, causato da diversi problemi: l’intolleranza è tra queste. Se l’emicrania è causata da qualsiasi tipologia di bevanda alcolica, l’emicrania allora è causata da un’intolleranza a più sostanze contenute nelle bevande alcoliche. Il mal di testa in questo caso è una reazione all’intolleranza.

Quando è solo il vino, -di qualsiasi tipologia- a causare mal di testa, nausea e dolori addominali, la causa va individuata nelle ammine biogene. Queste sostanze, sono contenute nel vino e causano delle reazioni spesso negative: questo accade, perché le ammine biogene, creano nuovi composti a base azotata, derivati da aminoacidi, che in determinati quantitativi, tendono a produrre effetti negativi sull’organismo.

 

Le ammine biogene, non si trovano solo nel vino, ma in moltissimi cibi, come il pesce, le carni i salumi e alcuni succhi; il quantitativo però è inferiore per cui non causa problemi all’organismo, mentre un quantitativo eccessivo, può determinare malesseri, primo fra tutti il mal di testa, che può essere accompagnato da nausea e dolori addominali.

Nei vini, ci sono due sostanze, l’istamina e la tiramina, che hanno sull’organismo effetti negativi, tra cui nausea e vomito, emicrania, problemi respiratori e aumento dell’ipertensione. Il vino dunque, procura mal di testa, se è abbinato ad altri cibi che contengono queste sostanze: in questo caso, un aumento delle stesse, sarà nocivo per l’organismo causando effetti di malessere anche se temporanei.

 

Per evitare il mal di testa da vino in particolare, è consigliabile dunque ridurne le quantità, -un solo bicchiere non è dannoso per l’organismo- e abbinarlo a cibi leggeri, evitando alcune tipologie di formaggi e carni, che potrebbero causare effetti dannosi tra cui il fastidioso mal di testa.