La Piadina Romagnola

di Gabriele 2

Giovanni Pascoli le ha dedicato la poesia Piada, per esaltarne le origini e le qualità  di cibo umile ma genuino. Eccovi la ricetta della Piadina Romagnola..

La Ricetta delal piadina Romagnola

Giovanni Pascoli le ha dedicato la poesia Piada, per esaltarne le origini e le qualità  di cibo umile ma genuino.

Come tanti prodotti tipici divenuti bandiera del nostro paese nel mondo, anche la piadina ha origini contadine e povere, preparata in maniera semplice e con i soli frutti del lavoro e della terra.

Le origini della piadina sono antiche e si possono ricondurre addirittura al tempo degli antichi romani.

La piadina attuale è realizzata con farina di frumento, mentre si pensa che la sua progenitrice fosse realizzata impastando rimediando tutto quello che era a portata di mano, mais, crusca, fave.

Immagine della piadina romagnola ripiena con salame piccante


La piadina è una pietanza che si può consumare in tanti modi, in fondo è un “contenitore” alimentare pronto ad accogliere i gusti e la fantasia di ognuno.

Dolce o salata, calda o fredda, può essere farcita a piacimento anche se nelle varie zone della Romagna troviamo delle usanze tipiche per il riempimento, come lo squacquerone, formaggio tipico simile allo stracchino ma più liquindo, abbinato alla rucola o a salumi o a salsiccia arrosto.

La ricetta per preparare la piadina in casa è molto semplice, gli ingredienti base sono:
  • 1 Kg. di farina tipo 0
  • 150 gr. di strutto ma lo si può sostituire con olio extravergine d`oliva
  • Acqua per la lavorazione, in alternativa si può utilizzare il latte per avere un impasto più morbido
  • Sale un pizzico
  • Bicarbonato di sodio, opzionale se si desidera un accenno di lievitazione. Usarne 4 gr. circa

Unire tutti gli ingredienti e lavorarli dosando l`acqua in percentuale per ottenere un impasto abbastanza sodo, che dovrà  riposare circa un`ora coperto da un panno. Dopo il riposo bisogna realizzare dei dischi di circa 25-30 cm. da stendere con il mattarello infarinato (per non fare incollare l`impasto all`attrezzo) ad uno spessore solitamente di circa 5 mm. ma anche qui si agisce secondo gusti. Fatto questo si procede alla cottura che avviene sul “Testo” una sorta di piatto in ghisa o altro materiale, anticamente si usava di terracotta, utilizzando fuoco vivace e girando frequentemente la piadina con una spatola lunga.

Una volta cotta…viene il bello, sperimentate sapori e accostamenti. Buona Piadina a tutti!

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>