Raviolini alle bietole

di Alba D'Alberto Commenta

I ravioli sono un vero e proprio patrimonio della tradizione gastronomica italiana. Pensare che in alcune regioni ‘raviolo’ è un termine che sta a significare una pasta ripiena (è in questo senso che la parola è maggiormente conosciuta all’estero). In altre regioni, invece, la parola raviolo indica una pasta ripiena di ricotta, con o senza verdura, fatta eccezione per il Trentino (zona nella quale tradizionalmente il ripieno è di carne). Poi, in Liguria, la parola ‘raviolo’ sta a significare la pasta ripiena regionale, tanto di grasso (carne), tanto di magro (ricotta e verdura).

Ma la vera patria dei ravioli è la Liguria. Così come l’Emilia ha anolini, cappelletti, tortelli, tortelloni e tortellini, la Lombardia ha anolini e casonesì, il Piemonte gli agnolotti, la Calabriai i cavatelli, la Liguria ha i suoi ravioli. Ecco come prepararli alle bietole. Bastano venti minuti e un pizzico di buona volontà.

Ingredienti per i raviolini

– 300 grammi di ricotta;

– 150 grammi di formaggio parmigiano grattuggiato;

– 3 uova;

– 300 grammi di bietole;

– noce moscata;

– farina;

– sale;

Per condire

– Burro;

– Parmigiano;

– in alternativa condimento a piacere.

Preparazione

Una volta acquisiti tutti gli ingredienti si può procedere con la preparazione dei raviolini alle bietole. Si incomincia facendo scolare il liquido della ricotta, in maniera tale che essa risulti la più asciutta possibile. Poi, si procede mondando le bietole dai gambil, lessandole e strizzandole per bene.

Unire tutti gli ingredienti, amalgamarli, fare delle palline e rotolare nella farina.

Lessare i ravioli e quando veranno su in superficie scolarli e condirli con burro, ragù o sugo di pomodoro.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>