Pizza patate e spinaci per recuperare quel che c’è in giro

di Alba D'Alberto Commenta

Vogliamo chiamarla ricetta antispreco? OK facciamolo! La pizza di patate, o sformato o gateau se vi volete dare un tono da grandi chef, ha più o meno la stessa funzione delle polpette, serve a recuperare tutto quello che c’è in giro e va assolutamente cotto. Ecco come realizzare la pizza patate e spinaci

La chiamiamo pizza patate e spinaci per indicare i due ingredienti prevalenti, in realtà c’è molto altro dentro, c’è tutto quello che adesso dobbiamo assolutamente consumare? Avete anche voi questa ossessione del consumo? Condividiamola: in fondo nasce dal fatto quando facciamo la spesa non compriamo mai soltanto quel che ci serve. 

Riflessioni sociologiche a parte, sappiate che le patate, quando iniziano a fiorire, diventano addirittura pericolose per la salute, oltre che per l’olfatto. Per cui prendete le patate vecchie e iniziatele a spellare. Munitevi di una bella confezione di spinaci puliti e cuoceteli senza troppa acqua ma soltanto dosando una manciata di sale. 

A questo punto, quando le patate sono cotte fatele freddare e poi riducetele in purea. Un po’ come fate anche quando dovete fare il purè vero e proprio. Poi uniteci gli spinaci lessati e freddi e impastate con le mani. Se ce l’avete aggiungete anche un uovo, del formaggio grattugiato

Se poi vi avanza qualche salume, sicuramente sarà gradito, così come qualche pezzetto di formaggio dolce che si squagli alle alte temperature. Impastate tutto e mettetelo in una teglia unta. Aggiungete in superficie un bello strato di pangrattato e poi infornate per far squagliare il formaggio, per compattare tutto e per creare una piccola crosticina in superficie. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>