Timballo di magro

di Alba D'Alberto Commenta

Il timballo di magro è un piatto unico, molto nutriente, nel quale ritroviamo una giusta dose di carboidrati, fibre e proteine. Tutto ciò che troviamo esalta i sapori. Vale la pena svelare gli ingredienti (che in questo caso sono calcolati per quattro persone) nonché la ricetta.

Ingredienti

– 350 grammi di spaghetti;

– 300 grammi di piselli freschi sgranati;

– 3 carciofi;

– Mezza cipolla;

– 100 grammi di Emmenthal;

– Pan grattato;

– Olio extravergine d’oliva quanto basta;

– Sale quanto basta;

– Peperoncino in polvere;

Preparazione

Una volta acquisiti tutti gli ingredienti si può procedere con la preparazione del timballo di magro, facendo saltare in padella la cipolla affettata precedentemente in maniera sottile. Quindi, aggiungete i piselli e i carciofi precedentemente privati delle parti più dure e tagliati a spicchi sottili. Insaporite con sale e peperoncino e lasciate cuocere a fuoco moderato per una ventina di minuti circa.

Dopodiché portate a ebollizione acqua salata in abbondante quantità e cuocete al suo interno gli spaghetti. Regolatevi con i tempi di cottura e scolateli solo quando saranno al dente (metà cottura). Condite la pasta con un filo d’olio e trasferitela in una tortiera unta di olio, alternando uno strato di pasta con uno strato di emmenthal tagliato a fettine molto sottili.

Una volta usati metà degli ingredienti mettete le verdure al centro del timballo e coprite con altri strati di pasta e formaggio, quindi spolverate la superficie di pan grattato e mettete in forno pre-riscaldato a 180° per circa venti minuti.

Il vostro timballo di magro è dunque pronto per essere degustato. L’ideale sarebbe accompagnare questo piatto così speciale con un vino Vernaccia di San Gimignano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>