Ma il risotto a tavola è vero che non fa ingrassare?

di Alba D'Alberto Commenta

 

Il riso è considerato un prodotto dimagrante e anche antietà. Il riso è apprezzato in tutto il mondo e sbaglia chi desidera eliminarlo dalla dieta. Il riso, infatti è un cereale ed è necessario per l’organismo come tutti i cereali.

I cereali sono necessari per il nostro organismo ma vanno consumati come tutti gli alimenti, con moderazione. Seguendo questa regola dettata non dai nutrizionisti ma dal buonsenso, sicuramente potete mangiare riso e restare in forma.

Per restare in forma basta una dose di 60-80 grammi a persona a crudo e si può gustare anche 4 o 5 volte a settimana come piatto unico o come primo piatto. Anche il risotto, infatti, può essere preparato in modo dietetico, ma siamo sicuri che di ricette con il riso ne avete tantissime.

Prima di consigliarvene una, elenchiamo i 3 buoni motivi per scegliere il riso nella vostra dieta. Per prima cosa è leggero e nutriente e fornisce un apporto molto elevato di potassio. Non contiene sodio e favorisce la diuresi nonché il drenaggio dei liquidi nei tessuti.

Il riso, questo è il secondo buon motivo per consumarlo, è molto saziante perchè rispetto alla pasta trattiene molta più acqua. Sazia ma non gonfia, anzi, è provvidenziale per l’eliminazione dei gas intestinali.

Il terzo buon motivo per consumare riso è nel fatto che contiene il selenio che svolge un’azione antiossidante che rallenta anche l’invecchiamento. Il selenio è necessario alla formazione del collagene e dell’elastina ed è utile alla prevenzione delle rughe.

E veniamo al risotto: quello ideale è cremoso e per ottener una crema si può cuocere su una base di olio, scalogno e gambi di fungo. Man mano che cuocete il riso potete aggiungere il brodo vegetale e aggiustare di sale e pepe. Terminata la cottura mantecate aggiungendo un po’ di panna vegetale e del parmigiano grattugiato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>