10 tipi di fagioli tra cui scegliere per la minestra

di giannni puglisi Commenta

I fagioli sono una delle fonti privilegiate dai vegetariani per acquisire le proteine vegetali che tanto fanno bene alla salute e alla nostra alimentazione. Eppure le varietà di fagioli che sono a disposizione sul mercato, sono moltissime, ognuna con una sua specificità. 

I fagioli sono ricchi di proteine ma anche di fibre e sono una fonte incredibile di carboidrati e sali minerali, ecco perché fanno parte integrante di ogni dieta e sono essenziali nella dieta mediterranea. Questi legumi, però, non sono sempre digeriti bene e causano gonfiore addominale. Per evitare il problema, il segreto sarebbe nella cottura dei legumi con qualche foglia di salvia o di alloro. Entriamo adesso nel merito dei dieci tipi di fagioli a disposizione sul mercato:

  1. fagioli borlotti con striature di un rosso vivace, sono tra i più comuni in Italia e c’è anche una qualità nostrana, il borlotto di Vigevano, che vale la pena assaggiare;
  2. fagioli bianchi di Spagna detti anche ciabattoni, sono coltivazioni molto resistenti che non hanno bisogno di concimi chimici e diserbanti per crescere;
  3. fagioli con l’occhio molto famosi e molto comuni, sono caratterizzati dal colore chiaro della base e da una macchiolina nera nel punto in cui il fagiolo si unisce al baccello;
  4. fagioli cannellini sono bianchi o rosati e si riconoscono per la forma allungata, sono facili da cucinare e si prestano molto alla preparazione di burger vegetali e creme da spalmare;
  5. fagioli monachelle, sono coltivazioni rustiche riconoscibili dal fatto che hanno due colori, un bianco tendente al beige da una parte e e poi una striatura nera o rossastra;
  6. fagioli neri, i più usati dalla cucina messicana, sono ricchi di fibre e proteine vegetali e sono adatti alla preparazione di puree e contorni per minestre;
  7. fagioli mung, originari dell’India, sono conosciuti anche come fagioli verdi, adatti alla preparazione di zuppe e contorni;
  8. fagioli azuki, fonte incredibile di sali minerali e vitamine, presentano pochi grassi e pochissime calorie, sono facilmente digeribili e si riconoscono dal colore rosso vivo;
  9. fagioli Pigna, Badalucco e Conio, coltivati soltanto in Liguria, sono il fulcro della nostra cucina
  10. fagioli di Controne coltivati in Campania, rappresentano un’altra eccellenza italiana.