La crema pasticcera: preparazione, tecniche e utilizzo

di Daniele Pace Commenta

Preparare la crema pasticcera

La crema pasticcera, è ampiamente utilizzata per la farcitura di torte e dolci. Il suo sapore, delicato ma deciso, si sposa con altri sapori esaltandone le particolarità. La crema pasticcera, è fluida, morbida e liscia, con un sapore intenso; si utilizza per la preparazione di numerosissime torte, bignè, profitteroles, crostate e mignon. La preparazione di questa crema, richiede diversi ingredienti che sono: farina, zucchero, uova, latte vaniglia. Le quantità variano a seconda delle esigenze di farcitura e quindi all’effettivo quantitativo di crema necessario. Se si calcola una porzione media, si potrà calcolare: 30 grammi di farina, 100 di zucchero, 4 tuorli d’uova, mezzo litro di latte, e una bustina di vaniglia con in aggiunta una scorzetta di limone. Le quantità aumenteranno all’aumentare proporzionale del quantitativo della crema.

 

La crema pasticcera, si prepara seguendo precisi passaggi: Versare in un contenitore il latte e tagliare i baccelli di vaniglia da cui si ricaveranno i semi; si potrà aggiungere al latte anche la vaniglia in polvere; a questo composto, si andrà ad aggiungere la scorza di limone; il tegame andrà posto poi sul fuoco mescolando costantemente fino all’ebollizione. Successivamente, utilizzando un altro tegame, si dovrà preparare un altro composto: versare i tuorli e lo zucchero e mescolare fino ad ottenere una crema fluida e morbida. Quando il latte sarà arrivato al bollore, dovrà essere versato lentamente nel tegame contenente uova e zucchero.

 

Durante questa operazione, si dovrà utilizzare un colino, per filtrare meglio la crema. Contemporaneamente bisognerà mescolare in modo costante e continuo, per ottenere cosi un composto cremoso e denso. La crema andrà poi riposta in un contenitore freddo per essere raffreddata nel modo giusto e conservata in frigo per circa tre o quattro giorni, coperta da una pellicola, o dalla carta argentata; è anche possibile congelare la crema per un tempo prestabilito. E’ pur sempre consigliabile usarla a breve termine.

 

La crema pasticcera, viene utilizzata per il pan di spagna, per la pasta sfoglia, per i bignè e profitteroles, per la torta di mele, per il tiramisù, per la torta della nonna, per alcune ciambelle e crostate, per i muffin e per le frittelle. E’ una crema estremamente versatile, che si presta a numerosi scambi di sapore, esaltandone la particolarità e la dolcezza. La crema pasticcera, ha un sapore più deciso della crema chantilly e rispetto a quest’ultima, che è una variazione della panna, più consistente, è più laboriosa, ma anche più intensa nel suo sapore, per questo considerata la crema per eccellenza!