Le 5 cose da sapere sulla zucca spaghetti

di Alba D'Alberto 1

Va bene, abbiamo messo Halloween da parte ed è arrivato il momento di prendere il toro per le corna e affrontare una volta per tutte l’argomento zucca. Anche perché ce n’è una che non tutti conoscono, la zucca spaghetti.

Al supermercato o dal fruttivendolo è facile trovare la zucca tradizionale, quella che ad Halloween gli americani sono soliti svuotare e decorare. Nel nostro paese però esiste una varietà di zucca che si presta molto bene in cucina: la zucca spaghetti. Un frutto che va cotto con tutta la buccia e una volta ultimata la cottura tagliato a metà e spolpato fino ad ottenerne proprio degli spaghetti.

La zucca spaghetti è originaria del Sudamerica dove è conosciuta anche come spaghetti squash. Questo frutto produce dei filamenti che sono simili agli spaghetti e possono essere conditi in molti modi. Il suo colore è un giallo arancio molto intenso. Si raccoglie in autunno ma si consuma lungo tutto l’inverno.

Ci sono alcune caratteristiche della zucca spaghetti che pochi conoscono e per questo vogliamo elencarle:

1. è facile da coltivare e non ha bisogno di molto spazio così che anche dei novelli contadini possono cimentarsi con tale ortaggio;
2. è molto nutriente e presenta un’alta concentrazione di acido folico, potassio, vitamina A, vitamina C e carotene;
3. gli spaghetti che sono ottenuti dalla polpa, sono visibili come tali soltanto dopo una cottura di almeno 45 minuti, altrimenti la polpa appare come quella della zucca tradizionale;
4. il gusto è molto delicato e quindi si presta a numerose ricette;
5. la zucca spaghetti si conserva anche un mese in un luogo fresco e al riparo dalla luce.

La versatilità dell’ortaggio e il suo gusto delicato la rendono ideale per piatti in abbinamento con sapori molto forti ma anche per le insalate dal sapore più dolce e morbido.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>