La versione remix dell’Artusi è pronta

di Alba D'Alberto Commenta

Lui si chiama Daniele De Michele ma per tutti è Donpasta. È un artista crossmediale che ha sempre mescolato l’amore per la cucina con la passione per la musica. È lui a firmare Artusi Remix a più di 100 anni dalla redazione di quel caposaldo della letteratura gastronomica mondiale.

Adesso gli scaffali dei libri di cucina non sono più presidiati da La scienza della cucina del cavalier Pellegrino Artusi. Oggi ci sono soltanto rivisitazioni dei classici, apprezzabili e interessanti ma niente a che vedere con l’Artusi. Potete trovare A qualcuno piace Cracco di Cracco oppure La mia nuova grande cucina italiana di Gualtiero Marchesi, oppure ancora qualche libello siglato dai partecipanti a Masterchef.

Eppure il viaggio nella cultura popolare culinaria delle nostre regioni fatto da Artusi, non è possibile trovarlo altrove. A snaturare questo capolavoro ci ha pensato allora Donpasta che ha aggiornato il libro antico ispirandosi alla filosofia di Artusi che andando in giro per l’Italia metteva insieme ricette popolari anche anonime e testimoniava i cambiamenti occorsi nella cultura gastronomica italiana.

Insomma Donpasta propone un nuovo viaggio gastronomico nello Stivale, ma si serve anche dei suggerimenti che arrivano dal web e delle parentele sparsa in tutta Italia, fa sua la trazione dello sharing tipico del social e restituisce al mondo una fotografia attuale della cucina tricolore.

E cosa è venuto fuori da questo viaggio di ricerca? Un libro monumentale, Artusi Remix che è anche e soprattutto un omaggio ad uno dei padri della patria. Ci si trovano dentro ricette ereditate dalla tradizione e poi modificate secondo abitudine, ci sono le ricette famigliari che rimettono le persone in contatto con le loro origini, ci sono suggerimenti per vivere con relax e con l’acquolina in bocca l’ambiente della cucina. Ma non ci sono piatti che richiedono un ossessivo controllo del peso degli ingredienti. Sarà riuscito Donpasta nel tributo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>