I gusti più strani di pizza che avete sentito

di Alba D'Alberto Commenta

È sabato sera e la pizza con la birra vince come abbinamento clou in questa serata all’insegna del relax e del divertimento con gli amici. In genere i bambini, al momento di scegliere il gusto della pizza, vanno sulle classiche ma ai grandi piace sperimentare. Esistono infatti dei gusti molto estrosi che, tra l’altro, non si trovano nemmeno da tutte le parti. 

Ero convinta che la pizza panna, funghi e prosciutto, per la sua dolcezza e per la sua pesantezza, fosse una delle pizze meno gettonate e più curiose in circolazione. Ma poi basta che a chi ordina la pizza piacciano i funghi per andare subito a sperimentare questo gusto, fino a non farlo essere più così estroso. 

In effetti, per trovare dei gusti strani di pizza bisogna allontanarsi dalla sua patria partenopea e andare oltre i confini del nostro Paese, dove la preparazione della pizza e la sperimentazione connessa, sono portate alle estreme conseguenza. In effetti, una volta abbandonata l’Italia, per le pizze dovete dimenticare il classico abbinamento pomodoro, basilico e mozzarella e accettare che sopra all’impasto ci siano la frutta e anche il cioccolato. 

Ad onor di cronaca dobbiamo dire che la pizza al cioccolato è entrata a pieno titolo nel menu degli italiani che la usano come dessert, sia che il cioccolato sia spalmato sopra la pizza ancora calda, sia che faccia parte dell’impasto stesso. 

La pizza con la frutta, invece, è un po’ più difficile da trovare nel nostro Paese e infatti arriva dalla Svezia dove amano consumare questo prodotto tipicamente italiano anche con banane, ananas e salsa al curry. In pratica si mescolano dolce e salato e si aggiunge una spezia per rendere tutto più strambo. E che si direbbe dell’abbinamento more e finocchi?

Un’altra pizza molto complicata da trovare in Italia è quella cicale e coccodrillo, proposta invece in America. In fondo le cicale lì sono molto grandi e richiamano il gusto della nocciola, anche se le zampette hanno quel qualcosa in più che i veri intenditori non trascureranno di certo. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>