Ricetta semifreddo alla ricotta

di Cristina Baruffi Commenta

Il semifreddo alla ricotta è un dolce che si prepara con le mandorle tostate, le prugne secche e...

La ricotta è un prodotto caseario molto utilizzato per preparare sughi come il pesto alla siciliana, ma gli chef la usano moltissimo anche per la preparazione di dolci come la torta di ricotta e pere, il tiramisù senza mascarpone e la crostata di ricotta, un vero must per tutti coloro che amano la buona cucina.
Oggi vediamo come fare il semifreddo alla ricotta, utilizzando anche le mandorle tostate e una manciata di prugne secche per la decorazione finale.

– 50 g di ricotta di pecora
– 50 g di prugne secche
– 50 g di mandorle tostate
– 2 tuorli d’uovo
– 60 g di zucchero grezzo
– 200 g di panna fresca
– due cucchiai di brandy
– qualche cucchiaio di sciroppo d’acero

Setacciate la ricotta aiutandovi con un cucchiaio di legno, quindi tritate le mandorle tostate e le prugne secche cercando di ottenere dei pezzetti di piccole dimensioni.
Nel frattempo montate la panna fresca e in un’altra ciotola mescolate lo zucchero grezzo con i 2 tuorli d’uovo incorporando molto lentamente la ricotta, le mandorle, le prugne e la panna fino ad ottenere un composto spumoso.

[VARIANTE] RICETTA SEMIFREDDO VIENNETTA

A questo punto sciacquate 4 stampini piccoli con il brandy, in modo da aromatizzare il semifreddo in modo delicato e aggiungete la crema.
Lasciate raffreddare in freezer, ma prima di servire preparate sul piatto un fondo di sciroppo d’acero e alcune decorazioni con le prugne secche avanzate o con le noci.

Approfondimenti:

Lo sciroppo d’acero è un particolare tipo di zucchero che si ottiene dalla linfa dell’acero da zucchero e dell’acero nero, particolarmente conosciuto perché risulta essere il secondo dolcificante meno calorico al mondo.
Questo zucchero viene usato molto nei paesi freddi per le sue elevate proprietà nutrizionali, anche se molti dietologi lo consigliano per perdere peso dal momento che svolge un’azione diuretica, antistipsi e dimagrante, eliminando i liquidi e l’adipe in eccesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>