Ravioli sardi ricetta regionale

di Gabriele Commenta

I ravioli sardi, in dialetto culurgiones, rappresentano un esempio di primo piatto particolarmente gustoso. La preparazione di questo piatto varia..

I ravioli sardi, in dialetto culurgiones, rappresentano un esempio di primo piatto particolarmente gustoso.

La preparazione di questo piatto varia, a livello di ingredienti, a seconda della zona della Sardegna. Vi proponiamo lag ricetta caliaritana.


INGREDIENTI PER 6 PERSONE

RIPIENO

– 1 chilo di ricotta

– 2 bustine di zafferano

– 2 uova (i tuorli)

– 2 limoni grattugiati

– 3 cucchiai di zucchero

– sale quanto basta

PASTA

– 7 etti di farina

– 3 uova

– acqua

– sale

PREPARAZIONE DEL RIPIENO

In una ciotola unite tutti gli ingredienti (in ordine sparso) sopra descritti. Se vedete che il ripieno è troppo acquoso (può dipendere dalla ricotta, se utilizzate ricotta di pecora accertatevi che sia ben sgocciolata) aggiungete del semolino o della farina per farlo diventare più denso

PREPARAZIONE DELLA PASTA

Unite la farina alle uova, aggiungete due pizzichi di sale e cominciate a versare un po’ di acqua fino a che riuscirete ad ottenere una pasta solida, da poter stendere. Lasciatela riposare per una ventina di minuti, tirate poi una sfoglia sottile e disponete una fila di mucchietti di ripieno alla distanza di circa 4-5 cmq l’uno dall’altro. Quindi avvoltolate la sfoglia in modo che il ripieno sia ben chiuso. Premete con le dita tra un raviolo e l’altro (soprattutto ai bordi) e tagliate. Ripetete l’operazione fino a che la pasta e il ripieno non saranno esauriti. Stendete i ravioli su di un panno infarinato per fare in modo che non si attacchino, quindi fateli bollire. Appena affiorano in superficie ripescateli e dopo averli scolati procedete al condimento con sugo di pomodoro e tanto pecorino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>