Vinitaly, 7-10 aprile 2013, salone internazionale del vino

Vinitaly è un fiore all’occhiello dell’Italia visto che rappresenta l’evento di maggior riferimento del settore vinicolo: solo nel 2012 ha ospitato oltre 4 mila espositori, su un’area espositiva dislocata si 95 mila metri quadri, con un afflusso di 140 mila visitatori. 

Insomma l’interesse è notevole anche perché durante i quattro giorni della manifestazione sarà possibile partecipare a eventi, degustazioni e workshop proposti dagli operatori del settore.

Vendemmia 2010

L’Italia, durante la vendemmia 2010, riuscirà a battere i cugini francesi in base alla propria produzione. Le viti italiane infatti offriranno 47,5 ettolitri di vino contro i 47,3 ettolitri delle vigne francesi.

Il 60% dell’intera produzione italiana sarà destinata a vini DOC e DOCG mentre il restante 40% verrà destinato alla vinificazione senza certificazione.

Beaujolais-Villages Nouveau 2008

Tra i vini novelli francesi spicca per il miglior rapporto qualita` – prezzo il Beaujolais-Villages Nouveau dell`azienda Duboeuf Georges. L`azienda è ancora a conduzione familiare, ma nonostante cio` è la più nota e importante azienda del Beaujolais.Il Beaujolais, da cui prende nome il vino, è un territorio del comprensorio della Borgogna, in cui si sono riuniti 37 comuni per dare vita alla denominazione A.O.C. del “Beaujolais Villages”.

Il punto di forza dell`azienda è l`unione familiare e la cura con cui vengono centellinati e attenzionati i prodotti. L`Azienda Duboeuf Georges negozia oltre 30 milioni di bottiglie all`anno che commercializza in 120 paesi, tra cui:Giappone, Stati Uniti, Germania,Gran Bretagna etc. Il Beaujolais-Villages Nouveau 2008 viene prodotto da uve Gamay, coltivate in terreni acidi ad impasto sabbioso – argilloso, posti ad un` altitudine di 250 – 400 s.l.m.