Come conservare e congelare l’erba cipollina

di Alba D'Alberto Commenta

L‘erba cipollina è una delle piante aromatiche più saporite che si possa usare in cucina. Si consuma soprattutto fresca, appena colta, e serve per condire secondi piatti e altre verdure. Il suo sentore delicato la rende adatta ad aromatizzare le ricette più diverse mentre il suo formato, filiforme, la rende idonea alle soluzioni più creative, come quelle in cui viene usata come “spago” naturale. 482395553

L’erba cipollina tende a essere maggiormente presente solo in alcuni mesi dell’anno, ragione per cui si può approfittare dei periodi di massima produzione per fare delle piccole scorte, cioè conservare in diversi modi questa erba aromatica per averla sempre a disposizione quando se ne ha bisogno. Ecco come fare.

Una volta lavata e asciugata l’erba cipollina si può conservare in frigo per alcuni giorni, in modo tale da poterla usare ancora fresca nei piatti in cui se ha bisogno. Una accortezza che si può avere in questo caso è quella di riporre l’erba cipollina in frigo negli appositi cassetti temperati per le verdure, o in contenitori ermetici dotati di coperchio o ancora, in mancanza di altro, in fogli di pellicola trasparente per alimenti. 

Se volete invece congelare più a lungo la vostra erba aromatica potete anche pensare di congelarla. Il congelamento può avvenire dopo aver lavato gli steli con cura, averli asciugati su un panno pulito e averli disposti in appositi sacchetti per il congelamento. 

L’idea in più è quella di creare delle piccole monoporzioni tritando gli steli con la mezza luna e disponendo il trito nel contenitore per i cubetti di ghiaccio, coperto da poco olio, per formare delle mono porzioni da utilizzare all’occorrenza. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>