La paella è nota soprattutto come paella valenciana, infatti è proprio da questa zona della Spagna..

La paella è nota soprattutto come paella valenciana, infatti è proprio da questa zona della Spagna che proviene questo ricchissimo piatto. In passato la paella era un pasto popolare, umile, il riso si condiva con quello che c`era in casa e molti ritengono che proprio da questo abbia avuto origine il carattere misto di questo piatto, che mescola carne, pesce e verdure.

In realtà  l`originale versione valenciana prevede solo l`aggiunta di carne e verdure al riso. Oggi Valencia è la terza città  più popolata della Spagna ed è un importante porto che si affaccia sul Mar Mediterraneo. Esistono molte varianti della paella: c`è quella “de marisco con frutti di mare, quella de pescado con pesce e verdure; insomma, gli ingredienti cambiano in ogni versione, gli unici che restano fissi sono riso, zafferano e olio d`oliva.

La parola paella deriva dal nome del tradizionale tegame in cui veniva preparata, una padella con due impugnature sui lati che in valenciano è detta appunto paella. Questo piatto in molti ristoranti spagnoli è servito proprio in questo caratteristico tegame che varia le sue dimensioni a seconda del numero dei commensali.

La versione più conosciuta della paella è sicuramente quella mixta. Gli ingredienti che occorrono per prepararla sono: riso, pollo a pezzetti, salsiccia, lombo di maiale, calamari, gamberoni, cozze, piselli, peperoni (ottimi anche per preparare la peperonata), polpa di pomodoro, cipolla e zafferano. Prima di tutto bisogna lasciar imbiondire la cipolla in olio d`oliva, successivamente vi si unisce la carne tagliata a pezzetti. Quando la carne è ben rosolata si possono aggiungere le verdure, i calamari e la salsa di pomodoro. Infine si può versare il riso, lo zafferano, le cozze e i gamberoni, si copre il tutto con del brodo, si porta a ebollizione e si aspetta che il brodo evapori completamente.

Commenti (5)

  1. che buona la paella.

I commenti sono disabilitati.