Le uova fresche si riconoscono anche dal tuorlo

di Alba D'Alberto Commenta

Le uova sono un alimento importante per la dieta ma sono anche molto delicate e se conservate nel modo scorretto possono deteriorarsi. Ci sono però dei sistemi che garantiscono il riconoscimento delle uova fresche a partire proprio da tuorlo. Ecco come regolarsi. 

Le uova migliori si riconoscono dal tuorlo che comunica in modo chiaro quanto è fresco un uovo, da dove arriva e se è il caso di mangiarlo. Proviamo a dare qualche strumento per il riconoscimento dell’uovo. 

Se il tuorlo è giallo

Allora vuol dire che arriva da galline allevate con mangimi economici. 

Se il tuorlo è arancione scuro

Allora vuol dire che è il prodotto di una gallina ruspante. Questa distinzione dipende da una ricerca scientifica che ha dimostrato come il colore del tuorlo si leghi ai pigmenti presenti in quello che le galline mangiano e in particolare si deve al betacarotene. Le galline ruspanti possono nutrirsi liberamente di prodotto ricchi di carotenoidi.

E a livello nutrizionale?

Non cambia praticamente niente nel senso che le uova da allevamento e le uova che arrivano dalle galline ruspanti presentano un apporto nutrizionale identico rispetto a grassi, proteine e colesterolo. 

E per capire se sono fresche?

In questo caso si usa lo stratagemma classico della caraffa. Si devono sciogliere 25 grammi di sale in una caraffa da un litro d’acqua e poi appoggiare l’uovo sul fondo: 

1. se si appoggia è freschissimo
2. se galleggia sul fondo è fresco di 1, 2, 3 o 4 giorni
3. se galleggia in sommità senza affiorare in superficie non è fresco
4. se galleggia in superficie è vecchissimo e forse è meglio non mangiarlo. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>