Chutney

di Fabiana Commenta

Non chiamatelo marmellata: il chutney è una salsa agrodolce e speziata di origine indiana

Che differenza corre fra il chutney e il caramello? Si tratta di due preparazioni molto diffuse in cucina che vengono utilizzare per decorare e per regalare un gusto un più al vostro piatto.

In particolare il caramello consiste in una preparazione a base di zucchero, ma dal sapore un po’ amarognolo: si utilizza molto spesso per poter decorare e guarnire dolci al cucchiaio (come la panna cotta ad esempio).

Si prepara lasciando riscaldare lo zucchero semolato che va distribuito all’interno della padella (ma senza bruciarlo), poi aggiungete l’acqua bollente (ed eventualmente aromatizzata): quando lo zucchero sarà diventato marroncino, allora dovrete miscelarlo con l’acqua. Mescolate velocemente e togliete dal fuoco e a quel punto potrete utilizzare il caramello per le vostre preparazioni.

Il chutney invece è una preparazione molto diffusa soprattutto nella cucina estera ed è una salsa di accompagnamento agrodolce a base o frutta o verdura e zucchero e aceto. A prima vista potrebbe addirittura sembrare una marmellata, ma ovviamente non lo è.

Il chutney è una salsa originaria dell’India ed è stato importato in Europa nel 17esimo secolo e il termine deriva dal verdo chatni che significa “fortemente speziato”, ma anche schiacciato perché originariamente gli ingredienti venivano proprio schiacciati tutti insieme.

Il chutney più famoso è quello al mango, ma ovviamente potrete spaziare con la fantasia e la creatività per ingredienti, dalle mele ai pomodori,  dalle pere ai limoni.

Anche le spezie utilizzate possono essere diverse, anche se quelle raccomandate sono i chiodi di garofano, l’aglio, il coriandolo, lo zenzero, il pepe di cayenna, il tamarindo, la menta, la senape, la cannella.

La ricetta base però è la stessa: mettete tutti gli ingredienti all’interno di una pentola antiaderente profonda adatta anche per la marmellata.

SALSA AL CARAMELLO 

Portate tutti gli ingredienti (frutta o verdura ovviamente spezzettata) a  ebollizione su fiamma media, poi lasciate sobbollire il composto per circa due ore e di tanto in tanto mescolate con un cucchiaio di legno per evitare che il chutney si attacchi al fondo della pentola.

MARMELLATA DI FRAGOLE

Quando il vostro chutney sarà diventato denso e appiccicoso proprio come una marmellata sarà pronto per essere utilizzato o per essere conservato in un barattolo ermeticamente chiuso anche per uno-due mesi.

 

Foto Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>