Amarone della Valpolicella Azienda Masi

di Gabriele 1

Secondo la tradizione il vino Amarone prese origine da una errata vinificazione del vino dolce “Recioto” in cui la fermentazione..

etichetta dell\'amarone della valpolicella azienda masiIn prossimità  dell`arrivo della stagione fredda, vi consigliamo di accompagnare le vostre cene a base di carne rossa e salumi con uno dei vini rossi DOC più conosciuti al mondo: l`Amarone della Valpolicella.

Secondo la tradizione il vino Amarone prese origine da una errata vinificazione del vino dolce “Recioto” in cui la fermentazione portò alla totale trasformazione degli zuccheri in alcol dando vita ad un vino secco e privo di zuccheri,da cui l`amaro dell`Amarone.

L`Amarone viene prodotto con le uve Corvina, Rondinella e Molinara lasciate appassire sui graticci per circa 120 giorni.


Oggi vi proponiamo il Costasera, Amarone classico della storica azienda vitivinicola Masi, gestita dalla famiglia Boscaini. I vigneti del Costasera sono rivolti al tramonto (da cui deriva il nome), esposizione ideale per l`ottenimento di uve prestigiose da cui si ottengono vini serbevoli. Le vigne del Costasera si estendono sui rossi terreni dei comuni di Marano,Negrar,Sant’ Ambrogio e San Pietro in Cariano.

Le uve dell`Amarone a fine Gennaio, dopo l`appassimento naturale su graticci di bambù, vengono pigiate e diraspate e fatte fermentare per circa 50 giorni in botti di rovere di Slavonia.
Il Costasera si presenta al bicchiere con un rosso rubino intenso, al naso ricco di note di frutta matura e confettura che si riscontrano al palato.


L`affinamento in rovere lo rende vellutato e completo al gusto, corposo e strutturato, persistente sul finale. La gradazione alcolica del Costasera di 14,7% lo rende adatto ad un lungo affinamento in bottiglia mantenendo le sue caratteristiche organolettiche per circa 30-35 anni. La decisa struttura e personalità  lo rendono anche un vino da meditazione e da fine pasto.

Commenti (1)

  1. Ciao,
    avete mai provato l’Amarone della Valpolicella DOC 2003 di Poggio Toccalta?

    Che ne pensate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>