Rollè di semolino alle erbette

di Luca Bruno Commenta

La primavera è la stagione ideale per approfittare di una bella giornata ed avventurarsi nei prati alla ricerca di prelibatezze che crescono spontanee.

violette

Per trasformare un ingrediente semplice come il semolino in un piatto appetitoso e di facile esecuzione, proviamo questo rotolo di semolino farcito alle erbette.
L’ideale da preparare dopo le grandi abbuffate del periodo delle feste o, ancora meglio, appena sboccia la primavera, la stagione ideale per approfittare di una bella giornata ed avventurarsi nei prati alla ricerca di prelibatezze che crescono spontanee: asparagi selvatici, barba del frate, barbabuc, violette, tarassaco, primule, soncino ed altre ancora.

Ingredienti:
1 litro di latte
250 grammi di semolino
2 tuorli d’uovo
noce moscata
burro
sale

per la farcia:
erbette cotte 300 gr
(qui la scelta va a gusto: se si dispone di erbette trovate nei prati tanto meglio, altrimenti si possono sostituire, per esempio, con spinaci e costine)
ricotta 200 gr
parmigiano
sale
pepe

Preparazione:
cuocere il latte, nel quale si fa sciogliere il burro. Quando bolle abbassare la fiamma ed aggiungere il semolino a pioggia continuando a mescolare per evitare i grumi. Cuocere per 15 minuti.

Aggiustare di noce moscata e sale. Una volta spento il fuoco aggiungere i due rossi d’uovo ed amalgamare bene il tutto.

Stendere il semolino ancora caldo in uno strato sottile di circa 1 centimetro di spessore su carta da forno, oppure pellicola, e lascialo raffreddare.

A parte prepara la farcia, mescolando le erbette già cotte con il parmigiano e la ricotta. Aggiustare di sale e pepe. Stendere il composto sul semolino ed arrotolare il tutto per ottenere un cilindro che si taglierà poi a fette di circa 2 centimetri di spessore.

Disporre le fette in una teglia imburrata, leggermente sovrapposte, cospargere di fiocchi di burro e parmigiano e far gratinare al forno.

Per rendere più sfizioso ed originale questo piatto servirlo in tavola accompagnato con una fonduta di taleggio o di gorgonzola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>