Ricetta Margarita

di Gabriele 2

La preparazione del Margarita è molto semplice. Raffreddate la doppia coppetta cocktail immergendola del ghiaccio..

margarita

E anche il Margarita fa parte dei 60 cocktail mondiali e, come il Mojito ed il Daiquiri, il Margarita è uno di quei cocktail preferiti da Ernest Miller Hemingway.

Lo scrittore infatti, durante il suo viaggio a Cuba, era solito a dire: “Il Mojito al Bodeguito e il Margarita al Floridita” ovvero, in lingua inglese, “My mojito at La Bodeguita, my daiquiri at El Floridita“. Hemingway era un grande bevitore e quelli che abbiamo appena pronunciato sono i due locali a L’Havana più conosciuti al mondo.

Due locali dove si possono degustare i migliori cocktail originali come il Mojito, il Cuba Libre, la Pina Colada ed il Daiquiri. Ma torniamo alla nostra ricetta per preparare un dissetante Margarita che può essere impiegato come digestivo grazie alla sua acidità , ma anche come fresco aperitivo.

Anche in questo caso nessuno conosce la verità  sull’origine del cocktail, ma è presumibile che il Margarita sia stato creato da un barman messicano trapiantato in america circa 60 anni fa.

  • 5/10 Tequila;
  • 3/10 Triple sec;
  • 2/10 Succo di lime;


La preparazione del Margarita è molto semplice. Raffreddate la doppia coppetta cocktail immergendola del ghiaccio.

Quando questa sarà  fredda, passate sul bordo uno spicchio di lime, quindi, dopo aver messo del sale su un piattino da caffè, fate aderire al bordo del bicchiere il sale in modo da avere un bordo, o parte del bordo ricoperto da sale.

Nel Boston mettete il ghiaccio, il succo di lime, il Triple Sec e la Tequila, chiudete e shakarate energicamente per qualche secondo. Versate quindi nel bicchiere filtrando il ghiaccio con uno strainer. Il vostro Margarita è pronto per essere bevuto.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>