2 frittate da assaggiare almeno una volta

di Alba D'Alberto Commenta

La frittata è un piatto certamente gustoso ma non troppo raffinato. Eppure la frittata, se fatta per bene, può essere davvero un secondo sfizioso. Abbiamo selezionato due gusti di frittata che almeno una volta nella vita bisogna assaggiare: quella alle ortiche e la frittata rognosa del Garda. 

Se siete degli amanti dell’uovo passate subito alla seconda ricetta che forse è la più inusuale visto che è legata ad una tradizione culinaria locale. Se invece siete curiosi di conoscere come variare la vostra dieta, allora benvenuti nel piccolo regno virtuale della frittata

Frittata di ortiche

Per prima cosa munitevi di guanti di gomma e maneggiate per bene le foglie di ortica crude, perchè una volta cotte, non ci sono più problemi legati alle molecole urticanti. Questa ricetta è considerata la panacea per molti disturbi del corpo. Per preparare una buona frittata per tutta la famiglia, procuratevi 300 gr di foglie di ortica, 2 cipollotti e 6 uova. In più tenete 2 cucchiaini di parmigiano grattugiato e sale e pepe quanto basta. 

Una volta lavate le foglie di ortica, lessatele con pochissima acqua e nel momento in cui diventano tenere, scolatele e tritatele in modo grossolano. Lavate i cipollotti e tagliateli a rondelle sottili. Fate appassire i cipollotti in due cucchiai di olio fino a quando diventano trasparenti, poi aggiungete le ortiche, fatele insaporire per un paio di minuti. A parte sbattete le uova, aggiungete il parmigiano e poi le ortiche. Infine cuocete la frittata in una padella antiaderente.  

Frittata rognosa del Garda

Per fare questa frittata avete bisogna di 5 uova fresche, una cipolla grossa, 150 gr di carne tritata, 1 gamba di sedano, 1 manciata di pancetta affumicata, olio di oliva, sale, pepe e grana grattugiato. 

Soffriggete piano in poco olio la cipolla affettata sottile e il sedano tritato per circa 15 minuti. Aggiungete la pancetta e la carne e cuocete per altri 40 minuti coprendo tutto. Poi sbattete le uova con il formaggio, mescolate i due composti e versate in una padella unta e calda. Una volta rappresa la frittata, giratela e fate insaporire dall’altro lato. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>