Omelette zenzero e peperoncino o rucola e salmonea

di giannni puglisi Commenta

Le omelette – come abbiamo già detto presentando quelle ai funghi e alla ratatouille – si possono farcire in tantissimi modi. Queste due soluzioni, proposte sempre da Donna Moderna, privilegiano una scelta vegetariana a base di spezie e poi un scelta originale a base di pesce. 

Omelette zenzero, peperoncino e formaggio

  1. Rompete 4 uova in una terrina tenendo da parte 2 albumi. Tritate finemente 1 peperoncino semi piccante, 2 fette di zenzero, 1 spicchio d’aglio.
  2. Soffriggete il trito con 1 cucchiaio di olio in una padella antiaderente. Salatelo, unitelo alle uova e sbattete con la forchetta. Salate la preparazione e incorporate gli albumi montati a neve.
  3. Scaldate due piccole padelle antiaderenti con 1 cucchiaio di olio, versate metà delle uova in ogni padella e lasciatele gonfiare. Cospargetele con una manciata di parmigiano grattugiato, piegatele delicatamente a metà e fatele scivolare sui piatti.
  4. Nel frattempo avrete tostato 8 crostini di pane, imburrateli generosamente, cospargeteli di scaglie di parmigiano e serviteli con le omelette piccanti.

Omelette salmone e rucola

  1. Pulite la rucola, eliminando le foglie sciupate e i gambi più duri; lavatela sotto l’acqua fredda corrente e asciugatela nella centrifuga. Tamponate leggermente i ritagli di salmone con carta da cucina per asciugarle dall’unto in eccesso.
  2. Sbattete 2 uova in una ciotola con sale, pepe e 2-3 cucchiai di latte. Versatele in una padella antiaderente di 20 cm di diametro, scaldata con un filo d’olio e cuocete l’omelette a calore moderato, senza girarla, finché sarà dorata sul lato inferiore e ancora morbida su quello superiore. Distribuitevi sopra una manciatina di foglie di rucola e un quarto di striscioline di salmone; piegate l’omelette a metà, fatela scivolare su un piatto e tenetela in caldo.
  3. Preparate altre 3 omelette allo stesso modo, usando 2 uova alla volta. Quando saranno tutte pronte, guarnitele con grani di pepe rosa schiacciati grossolanamente.