Come conservare i cibi – Gli alimenti che non vanno tenuti in frigo – II

di Alba D'Alberto Commenta

Conoscete tutti i cibi e gli alimenti che non devono essere tenuti in frigo se si vuole conservarli nella maniera ottimale? A volte proprio i concetti più semplici possono essere oggetto di dubbi. Eppure la buona cucina passa anche dalla qualità e dalle modalità di conservazione degli ingredienti che si utilizzano per la preparazione delle ricette. Ecco quindi come conservare alcuni cibi. 

Come conservare i cibi – Gli alimenti che non vanno tenuti in frigo

Tra la frutta le banane sono uno dei frutti che non devono essere tenute in frigo, perché il freddo tende a farle annerire senza aiutare il loro processo di maturazione. 

Anche le mele, in generale, non devono essere conservate in frigo ma all’interno di un luogo fresco e asciutto. Nel frigorifero infatti tendono a perdere la loro fragranza e il loro profumo e diventano farinose. 

Un alimento che non deve essere tenuto in frigo, anche se non proprio fresco ma scongelato è il pane, che può riprendere tutta la sua fragranza se passato in forno per pochi minuti. Si può anche non conservare al buio. 

Dopo il pane, un alimento che teme il freddo del frigo sono le patate, che nell’umido tendono ad ammuffire. Anche in questo caso è meglio un luogo fresco e asciutto, e buio, come la dispensa. Esposte al caldo e alla luce le patata tendono a germogliare e non sono più buone da mangiare. 

Un’altra verdura che non ama il freddo eccessivo del frigo sono i pomodori, che in frigo perdono il loro sapore, perché viene interrotto il processo di maturazione. Si conservano invece meglio fuori dal frigo in un luogo fresco. 

Non si deve conservare in frigo infine anche il caffè, che con il freddo tende a perdere il suo aroma. Teme però il caldo eccessivo. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>