Come congelare e scongelare il pane

di Alba D'Alberto Commenta

Se ognuno compra almeno una pagnotta al giorno e non è abituato a inzuppare il pane raffermo nel latte, vuol dire che deve prendere l’abitudine di metterlo nel freezer. Esistono però dei modi precisi in cui congelare e poi scongelare il pane. 

L’involucro del pane è essenziale nella fase di congelamento. Affinché resti soffice e croccante, il pane deve essere riposto nel freezer appena comprato e nella busta del pane. E allo stesso tempo bisogna evitare le bustine da freezer, la carta stagnola e la pellicola. 

Il pane deve essere anche porzionato in modo che lo scongelamento non sia sempre della pagnotta integrale ma possa rispondere alle esigenze specifiche di una famiglia. Per esempio si possono tagliare a metà le baguette, i panini, le ciabatte, le rosette e le ciriole, mentre le pagnotte devono essere congelate a fette. Se ogni cosa è fatta nel modo corretto la conservazione del pane può anche protrarsi a lungo dai 3 ai 6 mesi. 

Il pane fatto in casa, invece deve essere surgelato quando non è cotto del tutto. Oppure devono essere surgelate le porzioni di impasto lievitato in 200 o 300 grammi foderando poi l’impasto con la carta forno e poi ancora con una busta da freezer ben sigillata. 

Lo scongelamento è la fase più delicata di tutte. Il pane deve essere tolto dal freezer almeno 4 ore prima del consumo oppure deve essere usata la funzione di decongelamento del microonde o del tostapane. Parliamo della famosa funzione defrost. Da evitare assolutamente che il pane in fase di scongelamento si cuocia. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>