Bread Religion celebra il panino imbottito, Este, 8 settembre 2013

Home » Cucina italiana » Bread Religion celebra il panino imbottito, Este, 8 settembre 2013

La città di Este celebra il panino imbottito. Accade in occasione di Bread Religion, la quinta edizione di Comunipane, che si svolgerà a Este in provincia di Padova domenica 8 settembre quando il panino sarà il grande protagonista della giornata prestandosi a innumerevoli rivisitazioni. 

 

Il panino in effetti resta uno degli snack più consumati a livello globale complice ovviamente il prezzo decisamente competitivo e l’innata versatilità anche se viene spesso associato ade esempio di cibo spazzatura, ipercalorico e ricco di grassi.

Tutto dipende in effetti da come viene farcito e un giusto equilibrio fra gli ingredienti garantisce invece un pasto sano. 

 

In occasione di Bread Religion, organizzato dall’Accademia del Pane, saranno realizzati e presentati ben 15 panini d’autore ad opera di chef e panettieri provenienti da tutta Italia.

La giornata si articola in diversi percorsi: si comincia la mattina alle 10 con le lezioni di panificazioni casalinga e la gestione del lievito madre (curato da Sara Papa) per proseguire con le lezioni di pasticceria casalinga (curate da Luca Cantarin) e concludere con le lezioni di pasta fresca casalinga (a cura di Marco Valletta). E dalle 12 gli impasti dalle ore 16 in poi l’appuntamento è lungo un interessante e originale percorso gastronomico ricco di panini di vario genere, ma con crosta, meno grassi, più fibre, vitamine e proteine di origine vegetale.

 

Ogni panino proposto sarà caratterizzato da due elementi principali: da una parte un basso calorico, inferiore alle 500 kcal (a dimostrazione che il panino imbottito non deve essere necessariamente ipercalorico) e dall’altra un prezzo decisamente contenuto pari a 1.50 euro in termini d’ingredienti e lavorazione.

Insomma in questo modo il panino ambisce a diventare davvero un alimento sano alla portata di tutti. 

I panettieri e gli chef andranno a realizzare panini d’autore utilizzando ingredienti tipici legati spesso ai loro territori d’origine.

 

Ecco gli abbinamenti proposti dagli chef panettieri per i loro panini d’autore. Ricotta ovina e peperoni; formaggio ragusano e cioccolato di Modica; mortadella di Prato e cavolo cappuccio; tonno, rughetta e yoghurt alla senape; ceci, lenticchie, peperone in maionese vegetale; misticanza di stagione e cipolla caramellata con San Marzano confit; melanzana, verdure dell’orto e maionese di nocciola; fichi, guanciale e formaggio Bagolino; costine di maiale, melanzane e patate al vapore con salsa barbeque; cicerchia, cicoria selvatica e ricotta Marzotica; mozzarella di bufala campana dop; pancia selezione Damini con cipolla di Tropea, pomodori datterino e salsa di senape; fegatini di pollo con lattuga iceberg, yogurt, aneto e salsa thailandese agrodolce.

Attenzione rivolta anche ai celiaci con un  panino senza glutine ripieno di polpa del Sile e zucchine marinate all’agretto e un panino dessert con gelato di ricotta con scaglie di pistacchio e scorza di arancia candita. Insomma ce n’è davvero per tutti i gusti e non c’è che l’imbarazzo della scelta.

 

 

 

Foto Thinkstock