Sagra degli Spaghetti all’Amatriciana, 31 agosto-1 settembre 2013

di Fabiana Commenta

Amatrice festeggia il suo piatto tradizionale, la pasta all’amatriciana

pasta amatriciana

Amatrice festeggia il suo piatto storico, la pasta all’amatriciana, un classico della cucina italiana che nasce proprio nel piccolo centro in provincia di Rieti anche se da tutti viene collegata alla città di Roma.

Appuntamento oggi, sabato 31 agosto e domani, domenica 1 settembre, con la Sagra degli Spaghetti all’Amatriciana, occasione per riscoprire storia e sapori originali di un piatto radicato nella tradizione culinaria italiana. 

Nel centro storico della città, che si trova in una zona al confine di ben quattro regioni, Lazio, Umbria, Marche e Abruzzo, saranno allestiti stand enogastronomici per poter scoprire e assaporare i prodotti locali della tradizione laziale e sabina, con un’attenzione particolare agli intolleranti al glutine con l’allestimento di uno stand con la pasta senza glutine.

La grande protagonista della festa resterà ovviamente la pasta all’amatriciana con i suoi ingredienti classici: pasta, pomodoro, pecorino e guanciale. 

Durante la sagra però s’intende omaggiare anche la versione originale della pasta all’amatriciana che, non tutti sanno, inizialmente prevedeva non solo l’uso di bucatini al posto dei classici spaghetti, ma anche il fatto di non essere condita con il pomodoro, ma di essere in bianco.

L’edizione 2013 poi sarà caratterizzata dal fatto di essere eco-sostenibile: la manifestazione è stata ripensata in modo tale che abbia il minimo impatto sull’ambiente con l’utilizzo di materiali biodegradabili. Le materie prime della manifestazione arriveranno ovviamente quasi a chilometro zero, fornite direttamente dai produttori locali di Amatrice e dei paesi limitrofi: un modo intelligente anche per poter valorizzare le eccellenze della zona e ridurre l’impatto ambientale. 

In omaggio alla pasta all’amatriciana riproponiamo velocemente la preparazione: preparare il guanciale eliminando la cotenna dura e tagliarlo e dadini della stessa dimensione.

Fate soffriggere il guanciale in padella con olio e peperoncino tritato, ma senza farlo abbrustolire, poi aggiungete i pomodori tagliati a dadini e continuate a mescolare facendo cuocere per circa 10 minuti. 

Nel frattempo fate cuocere gli spaghetti e scolateli al dente, poi versateli in padella facendoli saltare e aggiungendo il pecorino grattugiato, poi serviteli ben caldi.

 

 

 

Foto Thinkstock

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>