Capri – Casa vinicola Tiberio

di Gabriele Commenta

Passeggiando lungo i sentieri dell`isola di Capri rimarrete incantati alla vista dei vigneti coltivati su terrazzamenti che scendono a picco verso il mare...

Immagine della bottiglia del Capri DOC

Passeggiando lungo i sentieri dell` isola di Capri rimarrete incantati alla vista dei vigneti coltivati su terrazzamenti che scendono a picco verso il mare.

Da queste vigne si ottiene un antichissimo vino, dal nome “Capri”,già  noto ai tempi dei romani.

Il vino Capri è stato tra i primi vini della Campania, nel 1977 a ottenere il marchio DOC. Tra le cantine più note dell`isola spicca la casa vinicola Tiberio, già  nota come “Cantina Isola di Capri”.


Il nome Tiberio, le fu dato in onore del figlio del fondatore Cav. Brunetti e allo stesso tempo dell`imperatore Tiberio grande estimatore dell`isola e del vino Capri.

L`azienda produce tre tipologie di vino Capri. Il Capri bianco ottenuto dal 40% di uve Falanghina, dal 50% di Greco di tufo e dal 10% di Biancolella.

Il Capri bianco si presenta di colore paglierino chiaro più o meno intenso. All`olfatto è gradevole con profumo caratteristico. Al gusto è asciutto e fresco con una gradazione del 12%. Si abbina perfettamente con cucina marinara.


Il Capri rosso è prodotto con il 100% di uve Piedirosso. Il colore è rosso rubino più o meno intenso, profumo gradevolmente vinoso e in bocca asciutto e sapido con una gradazione di 12,24 %. Ottimo con carni rosse ma è perfetto con formaggi come il provolone del monaco e il caciocavallo.

Il Capri blu ottenuto dal 60% di uve Falanghina, dal 30% di Greco di tufo e dal 10% di Biancolella.

Di colore giallo paglierino con riflessi verdognoli.

Profumo intenso ed ampio. Al gusto è molto persistente, strutturato e morbido.

E` perfetto con molluschi e crostacei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>