Gnocchetti al sugo d’agnello

di Vito Verna Commenta

Un'ottimo primo piatto a base di pasta si può realizzare condendo dei buoni gnocchetti con un succulento ragù di agnello e fave.

Gnocchetti al sugo d'agnello

L’agnello, rivisto in questa particolarissima ricetta, viene unito al sapore dolce ed inconfondibile delle fave, morbide e cremose, così da dare un tocco di delicatezza ad un piatto altrimenti vigoroso e certamente inadatto ai palati più raffinati.

Siamo sicuri, comunque, non tarderete a provare codesta ricetta e che le vostre impressioni saranno decisamente più che positive.

LA PASTA

► Fusilli alla pancetta e zucca

► Spaghetti agli asparagi e mandorle

► Tagliatelle limone e scampi

INGREDIENTI

– 350 gr di gnocchetti sardi

– 150 gr di polpa di agnello tritata

– 100 gr di fave sgranate (anche surgelate)

– 150 gr di salsa di pomodoro

– 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva

– 1 peperoncino piccante

– 1 spicchio d’aglio

– 1/2 bicchiere di vino rosso

– sale e pepe q.b.

– pecorino a scaglie (eventuale)

– Poni le fave in una capiente pentola colma d’acqua bollente, e leggermente salata, e lasciale cuocere per circa 5 minuti

– Scolale e, dopo averle fatte adeguatamente raffreddare, sbucciate completamente ed accuratamente

– Versa lo spicchio d’aglio, sbucciato e schiacciato, in una capiente padella antiaderente e lascialo rosolare insieme ad un filo di olio extravergine di oliva

– Non appena l’aglio comincerà a divenire dorato rimuovilo e, nella medesima padella, versa tutta la polpa d’agnello tritata che, a fiamma vivace, farai ben rosolare prima di sfumare con abbondante vino rosso

– Aggiungi a questo punto la salsa di pomodoro, abbassa la fiamma e lascia cuocere per circa 3 minuti rimestando di quando in quando

– Regola di sale e pepe

– Unisci, infine, le fave e lascia cuocere per ulteriori 10 minuti sempre a fuoco moderato

– Cuoci gli gnocchetti in abbondante acqua salata bollente e, non appena saranno al dente, scolali, unisci al sugo di agnello e fave, portali a cottura a fuoco vivace e servi dopo aver spolverato con abbondanti scaglie di pecorino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>