Ricetta spitini palermitani

di Cristina Baruffi Commenta

Gli spitini sono un piatto tipico della rosticceria siciliana, in cui si creano una sorta di mattonelle fritte ripiene di ragù e piselli.

Gli spitini sono un piatto tipico della rosticceria siciliana, in cui si creano una sorta di mattonelle fritte ripiene di ragù e piselli. Questa prelibatezza della cucina italiana si può trovare in qualsiasi negozio palermitano, ma se avete voglia e tempo a disposizione, vi garantiamo che il risultato sarà davvero eccellente. In passato abbiamo preparato altre pietanze che si possono trovare solo ed esclusivamente nel Belpaese come la casseola, la minestra maritata e gli immancabili panzerotti pugliesi.
Ingredienti:


– 3 confezioni di pane in cassetta
– Farina
– 3 uova
– Sale
– Pangrattato
– Latte q.b.

Per il ragù:

– 400 g di tritato di carne di manzo
– 1 cipolla
– 1 carota
– 1 ciuffo di prezzemolo
– 80 g di concentrato di pomodoro
– 50 g di parmigiano grattugiato
– 1 foglia di alloro
– 2 chiodi di garofano
– 200 g di piselli
– Olio extra vergine d’oliva
– ½ bicchiere di vino bianco
– Sale e pepe q.b.

Per il legante:

– 100 g di farina
– 140 g di acqua
– sale

Preparazione

Mettere sul fuoco in una padella antiaderente la cipolla, le carote e il prezzemolo con poca acqua. Non appena l’acqua sarà evaporata aggiungere poco olio, completare il soffritto e aggiungendo il macinato di carne. Fate rosolare per qualche minuto, quindi sfumate con il vino. Aggiungere il concentrato di pomodoro (diluito con poca acqua), i chiodi di garofano e l’alloro che eliminerete a fine cottura.
Aggiustare con un paio di cucchiaini di zucchero, sale e pepe.
A fine cottura aggiungere il parmigiano grattugiato e i pisellini cotti precedentemente.
A questo punto prepariamo il legante sciogliendo la farina con l’acqua e un pizzico di sale, fino ad ottenere un composto abbastanza denso.
Rimettere sul fuoco il ragù, aggiungere cinque cucchiai di legante e far cuocere per pochi minuto fino ad ottenere un ragù piuttosto maneggevole che vi consentirà di frammezzarlo al pane raffermo.
Quando avrete tutti gli ingredienti pronti, bagnare le fette di pane nel latte e preparare gli “spitini” infilzando alternativamente gli ingredienti (con stecche da spiedo in bamboo) in questo ordine: fetta di pane inumidita con il latte, una polpetta di ragù e altra fetta di pane. Alla fine lo “spitino” sarà composto da tre fette di pane alternate da due polpette di ragù. Accorciare le stecche e passate gli “spitini” nella farina, poi nell’uovo battuto con un pizzico di sale e infine nel pangrattato per due volte consecutive. Terminato questo procedimento preparare una padella con l’olio bollente, imergete gli “spitini” fateli dorare poi dopo qualche minuto toglieteli dalla padella e adagiateli su carta assorbente per togliere l’eccesso di olio. Servire caldi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>