Speciale Irpinia – le ricette antiche di una terra saporita I

di Alba D'Alberto Commenta

La cucina dell’Irpinia è un fiore all’occhiello della cucina campana, con piatti tipici e ricchi di prelibatezze di ogni tipo. Ogni zona di questa terra, in effetti, è famosa per la produzione di qualche particolare prodotto o per la coltivazione di speciali piantagioni.

Montoro, è nota per le sue buonissime cipolle al punto che i suoi abitanti vengono definiti, ironicamente, i cipollari. Con le cipolle a Montoro si cucina praticamente qualsiasi cosa. Con la cipolla ramata di Montoro imbottita con il mosto cotto, si porta in tavola uno dei piatti tipici della provincia di Avellino.

Ingredienti

  • 4 cipolle 
  • 3 fette di pane
  • 8 alici salate da tritare
  • 1 cucchiaio di capperi tritati
  • 1 cucchiaio di uva sultanina
  • 1 cucchiaio di nocciole  tritate
  • 3 cucchiai di mosto cotto
  • 2 cucchiai di olio di oliva

Preparazione

La cipolla ramata di Montoro offre la possibilità di preparare uno dei piatti tipici della provincia di Avellino. Ecco come fare. Prendete le cipolle e sbicciatele fino a togliere la polpa all’interno. A questo punto, immergete le cipolle in un recipiente colmo di acqua fredda e lasciate riposare le cipolle per circa dieci minuti. In questo modo, le cipolle perderanno il piccante in eccesso e saranno più gustose. Prendete un altro recipiente e, sempre in acqua fredda, immergete le tre fette di pane; fatto questo, togliete il pane dall’acqua e in un’altra ciotola unitelo agli altri ingredienti, tranne l’olio. A questo punto mescolate il tutto fino ad ottenere un impasto ben compatto. Inffine, tornate al recipiente con le cipolle: toglietele, asciugatele e riempite l’interno con l’impasto che avete appena preparato. Per finire, prendete una teglia e, dopo averla cosparsa d’olio, posizionate all’interno le cipolle e lasciare cuocere in forno pèer circa 20 minuti ad una temperatura di 150°. Prima di portarle in tavola, ricoprite il tutto con mosto super abbondante!

Fonte – Avellino Turismo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>