La granita di Messina diventa marchio tutelato

di Alba D'Alberto Commenta

La granita di Messina è diventata un marchio tutelato. Questa la novità che emerge da Meridione News mentre tutte le grattachecche di Roma e provincia e tutti i produttori di granite siciliane, insorgono rivendicando di essere il non plus ultra del settore. 

Il riconoscimento è stato fatto durante un Consiglio Comunale il 9 marzo scorso. In quella sede è stato approvato un regolamento per l’istituzione del marchio. L’obiettivo, com’è facile immaginare, è quello di censire e valorizzare la produzione tipica locale legata alla storia, alle tradizioni e alla cultura del territorio comunale. Un modo come un altro per portare in giro in modo originale e goloso un’immagine positiva della città, del territorio e dell’artigianato di qualità locale. Scrive per l’appunto Meridione News: 

granitamessina

Se chiedete a un messinese qual è la granita per eccellenza vi risponderà senza esitare la mezza con panna. Questo è il nome che ha a Messina la granita al caffè. Viene servita nel classico bicchiere di vetro insieme a una soffice e calda brioscia, che dovrà essere sapientemente inzuppata nel bicchiere mischiando la panna al caffè. C’è chi sostiene che ci sia una vera e propria arte nel mangiare la mezza con panna. La vera regina delle granite messinesi. A ruota seguono la cremolata di fragole e quella di limone. Queste bontà della gelateria peloritana, insieme a tanti altri prodotti dolciari, come la pignolata (un dolce tipico del periodi di Carnevale, ndr), o il bianco e nero (i profiterole ripieni di panna ricoperti da una crema al cioccolato e scaglie di cioccolato fondente, ndr), ma anche gastronomici come le braciole (involtini di carne ripieni di pangrattato condito con olio, parmigiano e prezzemolo, nrd) e la focaccia rientrano tra i marchi di denominazione comunale, De.Co

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>