Mini gateaux di patate su fonduta di crescenza al cren

di Alba D'Alberto Commenta

Una ricetta presa pari pari dal sito dell’EXPO a testimonianza del fatto che dietro un grande evento c’è sempre qualcuno di buon gusto. Lo chef che proposte questo Mini gateaux di patate su fonduta di crescenza al cren è davvero speciale. Ecco come deliziare i vostri amici. 

Ognuno ha la sua personalissima versione di questa deliziosa torta salata e allo stesso modo il ripieno differisce molto l’uno con l’altro. Questa è la ricetta che facciamo da sempre in famiglia, che però io ho voluto arricchire con una fonduta di crescenza morbida e delicata, alla quale ho aggiunto una puntina di cren.

Ingredienti

  • chilo di Patate
  • 200 grammi di Mortadella
  • 300 grammi di Mozzarella
  • Uova
  • 20 grammi di Timo, fresco
  • 20 grammi di Basilico
  • 20 grammi di Prezzemolo
  • pizzico di Noce moscata
  • 100 grammi di Crescenza
  • 40 grammi di Panna, fresca
  • cucchiaio da tè di Amido di mais
  • grammi di Salsa di rafano
  • 10 grammi di Burro, per imburrare le teglie
  • 10 grammi di Pangrattato, per foderare le teglie
  • pizzichi di Sale

 

Preparazione

  1. Ho pelato le patate e le ho tagliate a cubetti, così cuociono prima. Io le faccio al vapore nella pentola a pressione per due motivi: velocità (solo 5 minuti) e a vapore non si impregnano d’acqua. Mentre le patate si cuociono, affetto gli altri ingredienti. Prendo la mortadella e col coltello la taglio grossolanamente, tempo tecnico: circa 3 minuti! Stessa cosa con le mozzarelle. Le ho tagliate a cubettini. Idem per le verdurine aromatiche, le ho raccolte dai miei vasi, le ho lavate, e le ho tritate grossolanamente. Anche qui una manciata di minuti. Ho messo tutto insieme dentro a un piatto, mortadella e mozzarella, tanto dovrà andare tutto nell’impasto. 
  2. Dopo aver aperto la pentola a pressione (ma si possono bollire normalmente, per chi non l’avesse), schiacciamo le patate come se dovessimo fare un purè. Aggiungiamo: la mortadella, la mozzarella, le verdurine aromatiche, un uovo intero, noce moscata, sale e mescoliamo bene. L’ultimo passaggio prima di metterlo in forno è imburrare bene le teglie e poi passare del pangrattato, impedirà che il composto si attacchi. 
  3. Riempite la teglia col composto (per riuscire a livellarlo perfettamente basta inumidire appena le mani e/o il cucchiaio con dell’acqua fredda, lo stenderete benissimo e non si appiccicherà). Non riempitele proprio fino all’orlo perché la presenza dell’uovo le farà gonfiare leggermente. Spolverate di pangrattato sulla superficie qualche fiocchetto di burro qui e là con generosità e infornate in forno ventilato a 175°C per 20 minuti circa. Gli ultimi 5 minuti ho messo il grill superiore per far gratinare bene il tutto. Togliamole dal forno e aspettiamo una ventina di minuti per estrarle dalle teglie, queste tortine tengono il calore in maniera esagerata. Mentre raffreddano (o almeno cerco di farle raffreddare) preparo la fonduta di crescenza.
  4. Versate panna e maizena in un pentolino. Con una frusta faccio sciogliere bene la maizena, poi metto sul fuoco. Appena si scalda inserisco la crescenza a pezzetti e a fuoco basso faccio sciogliere, sempre mescolando, fino a che non è diventata una crema vellutata. Ho messo la maizena perché avevo paura che risultasse troppo liquida, ma voglio provarla senza. Secondo me terrà benissimo lo stesso. Non c’è bisogno di sale, la crescenza è già saporita, ho solo messo una manciatina di semi di papavero e la puntina di cren. Un velo di fonduta sul piatto e il nostro mini gateaux, ho aggiunto solo una rosellina di prosciutto crudo sulla sommità. Siamo pronti a gustarcelo. Se caldo, la consistenza sarà morbidissima, se freddo da frigo, come ho fatto il giorno dopo, sarà molto più compatto (oltre che fresco da mangiare) ma non per questo meno buono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>