Cucina delle Langhe

di Luca Bruno Commenta

Una cucina forte e ricca, sofisticata e creativa caratterizza il sapere culinario delle Langhe, la regione piemontese distesa tra le province di Asti e Cuneo.

langhe

Sicuramente famose per i vini pregiati che qui vengono prodotti, dal barolo al barbaresco al nebiolo, le Langhe sono una vera manna per i buongustai anche per i piatti della cucina locale. Naturalmente la presenza di vini così importanti ha fatto si che sulla tavola delle Langhe trionfino gli arrosti ed i brasati, innaffiati o direttamente cucinati nel vino. Il Brasato al Barolo è sicuramente una delle eccellenze culinarie che si possono ritrovare nelle tante trattorie e nei ristoranti disseminati tra le ripide colline ricche di vigneti e di noccioleti.

I primi piatti rivelano l’influenza della cucina tradizionale del Nord Italia, come la pasta fresca, tagliatelle ed agnolotti, che qui, per un gusto tutto tipico piemontese, vengono però preferiti quando sono confezionati in proporzioni minuscole.

Così, accanto ai ravioli, qui chiamati agnolotti, ritroviamo la delicata e gustosissima versione degli “Agnolotti del Plin”, minuscoli raviolini presentati con sughi d’arrosto o semplicemente al burro e salvia, oppure in umido con un ricco e gustoso brodo di carne.

Anche le tagliatelle qui sono di dimensioni ridotte, i celebri “tajarin”, che nei ristoranti sono apprezzati semplicemente aromatizzati al burro e salvia, magari con una grattata di un altro dei prodotti per cui le Langhe sono famose nel mondo, il tartufo bianco.

Anche se lontano dal mare, il Piemonte storicamente ha saputo anche inserire tra i suoi piatti aromi e profumi provenienti dalla vicina Liguria. Celebre è la “Bagna Caoda” una salsa calda a base di aglio ed acciughe che si gusta con una profusione di verdure crude e cotte.

Notevole è la tradizione pasticcera, resa celebre dalla coltivazione di una specie di nocciola, la “gentile delle Langhe”, particolarmente apprezzata per le sue qualità ed il suo gusto, con la quale si confeziona il celebre “Cioccolato Gianduia”, che unisce alla dolcezza della nocciola l’aroma del cacao.

Altri importanti dolci locali sono la Panna Cotta, creata proprio in Piemonte, ed il Bonet, una versione di creme caramel cui sono aggiunti il cacao e gli amaretti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>