Una delle seconde portate più famose della città meneghina, così come la trippa e la cotoletta alla milanese, sono i mondeghili. Sono molto simili alle polpette anche se, sia per gli ingredienti sia per la cottura non possono essere definite tali. Esse sono così importanti per la tradizione milanese che hanno ricevuto il titolo di Denominazione Comunale, ovvero un titolo che associa il piatto al comune di Milano.
Le origini del piatto sono molto antiche e risalgono al periodo di dominazione spagnola durato 150 anni. Ovviamente anche il nome ha origini spagnole, infatti deriva dalla parola “albondiga”, che i milanesi storpiarono in “albondeguito”, poi si trasformò “albondeghito”, fino ad arrivare all’attuale mondeghilo.

INGREDIENTI (8 persone)
2 spicchi d’aglio
Burro
400 gr di carne bovina lessa
80 gr di grana Padano
1 bicchiere di latte
150 gr di mortadella di fegato (o Bologna)
100 gr di pane raffermo
8 cucchiai di pangrattato
Pepe
Prezzemolo
Sale
150 gr di salsiccia
2 uova

PREPARAZIONE
Tagliare il pane in grossi pezzi, metterlo in una ciotola e bagnarlo con il latte. Tritare la carne bovina, la salsiccia, la mortadella e mettere il tutto il tutto in una ciotola capiente. Aggiungere il pane che avremo bagnato con il latte, il prezzemolo, le uova, l’aglio tritato, la grana, sale e pepe ed amalgamare il tutto.
Suddividere l’impasto in piccole polpette con la superficie un po’ schiacciata, passarle nel pangrattato e farle cuocere per qualche minuto in una padella calda in cui avremmo inserito del burro. In alternativa cuocerli nel sugo di pomodoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>