Hamburger ricetta

di Alessandro Bombardieri Commenta

La storia dell'Hamburger è molto particolare e non ha inizio negli USA.

La storia dell’Hamburger è molto particolare e non ha inizio negli USA. Il nome deriva dalla città tedesca di Amburgo, che nei secoli scorsi aveva legami stretti con la Russia, dove la carne tartara era molto apprezzata.

Agli americani è venuta poi l’idea di comprimere questa carne e di farne un altro piatto, che ormai è diventato un piatto internazionale, la pietanza con la quale identifichiamo spesso gli States.

Insieme alle patatine fritte, l’hamburger rappresenta sicuramente lo stile di vita degli americani, ma ormai sono piatti che si mangiano ovunque.

mezzo chilo di carne di manzo tritata
125 grammi di pancetta tritata
4 fette di pan carrè
latte
sale
pepe
noce moscata
olio d’oliva

Per prima cosa dobbiamo bagnare nel latte le fette di pan carrè che poi strizziamo.

Dunque mettiamo in una ciotola tutti gli ingredienti e mischiamo fino ad ottenere un composto quasi omogeneo.

Adesso dividiamo l’impasto ottenuto in 5 parti uguali, che andiamo poi a schiacciare con le mani, creando degli hamburger con diametro di circa 10 cm ed un’altezza di un paio di centimetri.

Gli hamburger andrebbero cotti in padella o ancor meglio in una piastra di ghisa unta con un po’ d’olio. Se invece optate per il barbecue, vanno spennellati con un po’ d’olio.

Il fuoco deve essere basso e devono essere girati quando il lato è dorato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>