Il cibo piccante

di Luca Bruno Commenta

Pepe o peperoncino? Un dibattito antico ma ancora oggi attuale. Pregi e difetti delle due spezie piccanti più note ed utilizzate al mondo.

spezie

Il sapore piccante è sicuramente un componente essenziale in molti piatti della cucina italiana ed internazionale, e diverse sono le culture culinarie nel mondo che fanno largo uso di droghe e spezie piccanti per dare ai cibi quel pizzico di sapore in più.
Il peperoncino, il piccolo frutto rosso o verde, giallo o arancione ma comunque coloratissimo, è sicuramente tra le spezie piccanti più apprezzate ed utilizzate insieme con il pepe.

Come per altre specie vegetali, come per esempio il pepe, la presenza della sostanza piccante nei frutti della pianta non è una condizione casuale, ma ha in natura una sua funzione ben specifica.

La presenza di queste sostanze infatti li rende poco appetibili per molte specie animali, ed in questo modo le piante si difendono dal rischio che questi mangino i frutti pregiudicandone la crescita e la produzione dei semi.

In molte parti del mondo, dal Sud America all’Asia, dal Bacino Mediterraneo all’Africa, si attribuiscono addirittura al peperoncino doti terapeutiche, al punto che negli ultimi anni ed ancora recentemente sono stati realizzati studi scientifici sulle sue qualità.

Tra di queste si annovera per esempio la facoltà della sostanza contenuta nel peperoncino, la capsaicina, di contribuire ad aumentare la temperatura corporea di chi lo ingerisce.

Tale aumento di temperatura contribuirebbe l’organismo a consumare un maggior numero di calorie ed anche a bruciare qualche milligrammo in più di grasso superfluo. Inoltre il peperoncino, consumato fresco, offre un grande apporto di vitamina C oltre a contenere pregevoli sostanze antiossidanti, efficaci nella prevenzione dei tumori.

Anche il pepe ha doti nutritive e terapeutiche non indifferenti per le sostanze che contiene, tra le quali spiccano proteine, ferro,potassio e fosforo, anche se, rispetto al peperoncino, ha un potenziale infiammatorio per il quale è caldamente sconsigliato a chi soffre di gastriti, ipertensione ed emorroidi.

E’ da sfatare comunque il mito che vuole che il pepe faccia male mentre il peperoncino sia un toccasana. Entrambe le spezie possono essere utilizzate, con la dovuta moderazione, ed all’interno di una dieta sana ed equilibrata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>