Carbonara di asparagi o carbonara sarda?

di Alba D'Alberto Commenta

I puristi diranno che di carbonara ne esiste una sola, quella con il guanciale, alla romana, quella dove bisogna fare attenzione al momento in cui s’inserisce l’uovo nella pentola, al calore della pentola stessa, al fatto che rompere le uova nella pentola o girarle prima fa una grossa differenza. Ma se esistessero altri tipi di carbonara?

Ce lo siamo chiesti andando poi a scovare due piatti, la carbonara sarda e quella di asparagi. La seconda delle due la inseriamo di seguito, affidandoci per la descrizione della preparazione a Ricette di Sardegna. 

Ingredienti

  • 360 g di spaghetti
  • 300 g di asparagi selvatici
  • 1 spicchio d’aglio
  • 80 g di pecorino stagionato
  • 4 uova
  • sale
  • pepe

Preparazione

Pulire e lavare accuratamente gli asparagi. Tagliarli a pezzetti separando le punte dalle parti più legnose dei gambi. Immergere questi ultimi in una padella con un poco di acqua fredda non salata e farli cuocere per circa 5 minuti. Rosolatele poi in padella con l’aglio e le punte, eliminando l’aglio a fine cottura. Salare moderatamente l’acqua di cottura della pasta, quindi mettere a cuocere la pasta. Nel frattempo sbattere le uova in una ciotola capiente con un pizzico di sale, pepe (a piacere) e il formaggio grattugiato. Togliere la pasta dal fuoco una volta al dente; tenere da parte un mestolo di acqua di cottura qualora il piatto finale risultasse troppo asciutto e poi scolarla. Versare immediatamente la pasta in padella (ormai tiepida e a fuoco spento) con gli asparagi e unire le uova mescolando velocemente. Servire immediatamente.

Mentre ci prendiamo qualche riga per spiegare la variante alla sarda così che possiate scegliere tra le due ricette. La carbonara alla sarda si prepara con le salsicce secche e la bottarga. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>