Zuppa di farro e zuppa di farro all’ortolana, qual è la differenza?

di Alba D'Alberto Commenta

Il fresco chiama la zuppa e quando parliamo di zuppa iniziamo subito a controllare che in dispensa ci siano sedano, carota e cipolla. Non se ne può fare a meno, esattamente come del gusto originale e nutriente di questo prodotto. Ecco la differenza tra la zuppa di farro classica e la zuppa di farro all’ortolana. 

Se volessimo cucinare una zuppa di farro e farlo ottemperando al nostro desiderio e alla nostra necessità di restare in forma, potremmo regolarci seguendo queste indicazioni dietetiche: 

cucinare 100 gr di farro in acqua bollente con 50 gr di sedano, 50 gr di cipolla e 50 gr di carota. Aggiungere a crudo 4 gr di olio extravergine d’oliva e portare in tavola fumante. 

Ma l’ortolano, che ne sa una più del diavolo, non si accontenta della zuppetta classica e aggiunge una serie di ingredienti che appesantiscono un piatto tutto sommato light donandogli calorie in più ma anche molto più gusto. Per 4 persone gli ingredienti della zuppa di farro all’ortolana sono: 

  • 240 gr di farro
  • 400 gr di patate crude
  • 400 gr di carote crude
  • 100 gr di sedano crudo
  • 200 gr di cipolle crude
  • 250 gr di verza cruda
  • 80 gr di parmigiano
  • 100 gr di ricotta fresca
  • 5 cucchiai di olio EVO
  • 1 litro di brodo vegetale
  • pepe

La preparazione prevede che si faccia rapidamente un soffritto con le verdure (sedano, verza, carote, patate e cipolle) che lo si faccia andare un po’ grazie all’aggiunta di vino e poi si unisca tutto il resto, dal brodo al farro seguendo le indicazioni di cottura del farro stesso. A parte e alla fine si possono aggiungere parmigiano e ricotta in base al proprio gusto personale. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>