Tortino di orzo croccante, semplice e per restare in forma

di Alba D'Alberto Commenta

Le ricette dell’EXPO sono sempre caratterizzate dalla voglia di far assaggiare a chi prepara, dei piatti semplici e gustosi che non lasciano spazio ai chili di troppo… a meno che non si esageri anche con le dosi della cucina sana. Rientra in questa categoria anche il tortino di orzo croccante. 

Veloce da realizzare, salutare e anche d’effetto. L’orzo, cereale, in realtà fino ad ora poco usato se non nei piatti tipicamente regionali, sta prepotentemente occupando le nostre tavole. La sua ribalta è dovuta, oltre che alle sue proprietà nutrizionali, anche alla semplicità di utilizzo. Ne è un esempio questa ricetta che, discostandosi dalle tradizionali zuppe, prevede un utilizzo “moderno” dell’orzo. Il suo utilizzo in cucina è molto antico si ritrova addirittura traccia dello stesso nella realizzazione del pane azzimo da parte degli antichi egizi. Essendo una pianta molto resistente ben si presta ad assere coltivata anche a latitudini più estreme e in condizioni climatiche svantaggiose. Nonostante ciò il suo uso è stato soppiantato da quello del frumento, probabilmente legato ad una maggiore resa di quest’ultimo anche se, come già accennato, negli ultimi anni stiamo assistendo ad una inversione di tendenza. 

Ingredienti

  • 300 grammi di Orzo perlato
  • 5 Pomodori
  • 100 grammi di Pangrattato
  • 50 grammi di Farina di mandorle
  • 10 Mandorle tostate
  • 50 grammi di Olio di oliva

Preparazione

  1. Sciacquate più volte l’orzo e poi mettetelo in acqua fredda a bollire fino a cottura (circa 25/30 minuti). Regolate di sale. Nel frattempo preparate il pesto privando i pomodori della buccia e dei semi interni. Per facilitare questa operazione scottateli qualche minuto in acqua a bollore. 
  2. Frullateli in un mini pimer con l’aglio, il sale, il basilico e circa 40 ml di olio di oliva. Mettete un filo di olio in un padellino antiaderente e ponetelo sul fuoco. Aggiungete il pangrattato insieme alla farina di mandorle. Regolate di sale. Condite l’orzo con il pesto e completate con abbondante pangrattato e qualche mandorla tritata. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>