Come si prepara il ragù di cipolle con le indicazioni dell’EXPO

di Alba D'Alberto Commenta

Il sito di ricette creato in occasione dell’EXPO contiene più di 700 proposte culinarie dalle quali abbiamo attinto numerosi spunti anche per il nostro ricettario. Tradotte in italiano ci sono anche molte ricette che arrivano da ogni parte del mondo. Ecco il ragù di cipolle, da considerare una variante vegetariana del più famoso ragù napoletano. Insomma un made in Italy. 

Del ragù napoletano, il ragù di cipolle mantiene la caratteristica della lunga cottura e un sapore forte e gustosissimo. Da mangiare con la pasta o da gustare con pane fresco e bruschettato. Ottimo insomma sia come condimento che come proposta per l’antipasto più sfizioso del circondario. Ingredienti e preparazione a cura dell’EXPO sono i seguenti. 

Ingredienti

  • 500 grammi di Cipolle, fresche, tagliate in fettine
  • 400 grammi di Passata di pomodoro, 1 bottiglia
  • 80 millilitri di Olio extravergine d’oliva (EVO)
  • pizzichi di Sale
  • cucchiai da tè di Concentrato di pomodoro
  • 1/2 bicchiere di Vino bianco
  • 20 grammi di Basilico, fresco 20/30 foglie

 

Preparazione

  1. Private le cipolle della buccia e tagliatele in fettine non troppo sottili.
  2. In una pentola d’acciaio, di quelle un po’ antiche con il fondo spesso ma senza antiaderenza, di quel tipo che prendono seriamente il calore della fiamma, siate abbastanza generosi con l’olio d’oliva, fate riscaldare, tenete il fuoco vivace e versate le cipolle. Da adesso e per 15-20 minuti, dovete dedicarvi a loro esclusivamente.
  3. Quando dopo 5 minuti in cui avrete rigirato spesso si saranno ammormidite, alzate la fiamma e sempre rigirando di tanto in tanto, aggiungete poca acqua alla volta (non più di mezza tazzina per volta), fatela evaporare e ripetete un buon numero di volte quest’operazione, fin quando una decina di minuti dopo avranno cominciato ad ambrarsi e virare dal bianco al marrone. Se aggiungete molta acqua le cipolle bolliranno, se ne aggiungete poco alla volta (meglio se calda), aiuterete le cipolle ad ammorbidirsi sfrigolando allegramente, ma senza bruciarsi.
  4. Continuate a rigirare le cipolle di continuo per evitare che brucino.
  5. Quando si saranno brunite e saranno asciutte, sfumate con un mezzo bicchiere di vino, fate evaporare, aggiungete il concentrato, amalgamatelo e infine versate la passata (pulite la bottiglia aggiungendo poca acqua e versate in pentola).
  6. Da questo momento dovete comportarvi come per una comune salsa, salvo che dovrà cuocere a fuoco basso per un’ora, anche un’ora e ½ e essere rigirata di tanto in tanto.
  7. Una volta densa e profumatissima è pronta e non vi resta che aggiungere del basilico fresco e munirvi di pane, bruschette o di buttare la pasta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>