Zelten Trentino da cucinare a natale

di Gabriele Commenta

Il nome Zelten deriva dal termine tedesco selten, che significa raramente, infatti questo dolce tipico viene preparato tradizionalmente..

zelten trentino con uova e mandorle

Attraversiamo idealmente tutta la penisola italiana, dopo avervi proposto un dolce natalizio tipico della Sicilia, vi presentiamo oggi una specialità  della gastronomia trentina, lo Zelten.

Il nome Zelten deriva dal termine tedesco selten, che significa raramente, infatti questo dolce tipico viene preparato tradizionalmente solo in occasione delle festività  natalizia ed è forse il dolce più noto della pasticceria trentina.

E` un dolce rustico, senza creme o ripieni elaborati, lo si può definire più un pane dolce che un prodotto di pasticceria in senso lato.


Il gusto dello Zelten è caratterizzato dalla frutta secca e dai canditi che gli donano anche colore oltre che gusto.

  • 600 gr. farina
  • 100 gr. burro
  • 2 uova
  • 150 ml. latte
  • 30 gr. lievito di birra
  • 400 gr. fichi secchi
  • 100 gr. uva sultanina
  • 100 gr. frutta candita a piacere
  • 100 gr. gherigli di noci
  • 50 gr. pinoli
  • 50 gr. mandorle pelate
  • Zucchero
  • Sale

Porre in un recipiente le uova intere, il burro e 2 cucchiai di zucchero, lavorare a lungo per avere un composto fluido ed omogeno. Aggiungervi la farina bianca setacciata, il lievito, il latte e una piccola presa di sale. Incorporarvi frutta secca e canditi tritati o tagliati con un coltello dandogli la consistenza che preferite. Lavorare con le mani per una ventina di minuti fino a quando non diventa sodo e compatto.


Disporlo su una teglia dandogli la forma che preferite e infornare per circa un`ora nel forno a 180 gradi, guarnendolo prima con noci e mandorle.

Un suggerimento, per insaporire maggiormente la frutta secca e i canditi, è usanza prepararli la sera prima facendogli passare la notte in ammollo nel rhum.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>