Melanzana saporita per chi non ha paura

di Alba D'Alberto Commenta

La melanzana ha già un sapore deciso e gustarla da sola può talvolta essere  impegnativo. Con il sistema di cottura si cerca in genere di conservarne le proprietà, stemperando un po’ il sapore. Chi non ha paura della melanzana, però. riesce a proporla anche così, con scamorza e speck. Le potremmo chiamare le melanzane indomite!

Le bruschette di melanzane – che poi sono un’altra ricetta che arriva dall’Expo – sono cariche di molto altro oltre la melanzana ma il sugo, ad esempio, è funzionale per ammorbidire la melanzana durante la cottura. Qui parliamo di tutt’altro. Qui si parla di voler trasformare le melanzane da contorno in piatto unico. Paura?

Ingredienti

  • 2 Melanzane
  • 50 grammi di Speck
  • 50 grammi di Scamorza affumicata
  • 1 cucchiaio da tè di Sale
  • 2 cucchiai da tavola di Olio extravergine d’oliva (EVO)

Preparazione

  1. Lavare le melanzane e asciugarle con uno strofinaccio.
  2. Con un coltello ben affilato tagliare a fette non troppo sottili le melanzane stando attenti a fermarvi ad un paio di cm dalla base.
  3. Tagliare la scamorza e lo speck a fette sottili.
  4. Salare all’interno le melanzane e versarvi un filo d’olio.
  5. Farcite le melanzane con la scamorza e lo speck.
  6. Disporre le melanzane a fisarmonica in una teglia da forno precedentemente rivestita di carta da forno.
  7. Infornare a 200° per 50 minuti circa.

Una cucina regionale italiana che storicamente ha sempre saputo sfruttare le melanzane è quella siciliana: si va dalla pasta alla norma, con melanzane fritte, sugo di pomodoro e ricotta infornata, alla parmigiana, anche nella ricetta in padella, alla caponata, preparazione elaborata che prevede tra gli ingredienti anche pomodori, cipolle, sedani, capperi, olive, il tutto in agrodolce; alcune varianti prevedono i peperoni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>